Crea sito

Consiglio comunale il 12 maggio 2016

debito-pubblicoIl Consiglio Comunale è stato convocato presso la Sala Consiliare, in sessione ordinaria ed in seduta di prima convocazione per il giorno 12 maggio 2016 alle ore 9.00 e, in seduta di seconda convocazione, per il 13 maggio 2016 alle ore 9.00, per trattare i seguenti argomenti posti all’ordine del giorno:

1) Art. 227 del D.Lgs. n. 267/2000 – Rendiconto della Gestione Esercizio 2015 – Approvazione.

Consiglio comunale alle 9 di mattina sul tema più importante per il nostro Comune. Hanno paura dei cittadini. I cittadini, ad un anno dalle elezioni, hanno finalmente capito l’inganno. Continue reading Consiglio comunale il 12 maggio 2016 →

Consiglio comunale il 28 aprile 2016

consiglio comunaleIl Consiglio Comunale è convocato presso la Sala Consiliare, in sessione ordinaria ed in seduta di prima convocazione per il giorno 28 aprile 2016 alle ore 9.00 e, in seduta di seconda convocazione, per il 3 maggio 2016 alle ore 9.00, per trattare i seguenti argomenti posti all’ordine del giorno:

1) Legge 147 del 27/12/2013 – Determinazione tariffe e riduzioni per l’applicazione della tassa rifiuti “TARI” per l’anno 2016.
2) Rettifica delibera di Consiglio Comunale n. 26 del 07/09/2015. Continue reading Consiglio comunale il 28 aprile 2016 →

I castelli di sabbia

contrada monte argine agriLe alluvioni passano ma i problemi restano. E chi ha i poteri non li risolve. Furono spesi 70 mila euro di fondi regionali per realizzare un argine del tutto inutile. Siamo in contrada Monte ed alcuni anni fa la forza del fiume Agri fece sparire molti metri di argine. Dopo tante peripezie, è stato costruito un rilevato di materiale fluviale ma senza alcuna copertura idrorepellente, come è invece il resto dell’argine che ha una copertura bituminosa. Ad oggi, ringraziando solo la natura che ci ha dato un inverno siccitoso, il rilevato è in piedi ancora per poco. Se non si provvede immediatamente, il prossimo inverno gli sarà fatale. Infatti, è bastata una sola perturbazione per erodere già un’ampia fetta di rilevato. A qualche centinaio di metri più a valle, la situazione è la stessa. Sono a rischio alcune abitazioni e decine di aziende agricole eppure tutto tace. Continue reading I castelli di sabbia →

Retromarce pericolose

piazza unitàPiazza Unità l’hanno resa di nuovo un parcheggio. Anche se solo parzialmente, è diventata di nuovo quello che per cui non è nata. Quando le domeniche o nei giorni di festa il corso di Via Roma diventa pedonale, si vedono macchine e furgoni entrare nel corso e parcheggiarsi senza badare minimamente al divieto di accesso, mettendo a rischio l’incolumità dei cittadini, delle famiglie e dei bambini che nel corso passeggiano tranquillamente. Dal 23 giugno scorso, grazie alla proposta di MuoviAmo Tursi, dopo anni di lamentele, abbiamo finalmente avuto Piazza Unità pedonale e Piazza Maria Santissima d’Anglona parcheggio. È stata un’estate più sicura e più comoda, con l’utilizzo più coerente delle piazze. Continue reading Retromarce pericolose →

A luci spente

santuario anglona tursiPer 6 anni, o forse più, il Comune di Tursi ha viaggiato nel buio più totale, guidato dalle persone sbagliate. Le oramai palesate condizioni finanziarie dell’ente l’hanno dimostrato. Parlano i numeri. Incontro ai cittadini è venuta la nuova normativa che regola la gestione delle risorse pubbliche. Finalmente, non si delega più alla coscienza dell’amministratore il fare la cosa giusta, ma è già la legge nazionale che impone paletti e vincoli preventivi per evitare sconquassi finanziari che sempre i cittadini pagheranno. Tanto è diventa stringente ed efficiente la nuova normativa che l’amministrazione comunale non può spendere (perché non ha i soldi) per sostituire alcune lampadine fulminate nella centralissima Piazza Maria Santissima di Anglona. Continue reading A luci spente →

Lo sporco del Pescogrosso – Parte 2

tursi  pescogrosso fognaTutto andò a finire con una sanatoria edilizia per la vasca abusiva. Mille euro di oneri per il proprietario del’impianto, l’Acquedotto Lucano. Nulla più. Intanto, l’inquinamento proseguiva ed aumentava. Non ci arrendemmo. Non sazi, il 19 giugno 2014, MuoviAmo Tursi mandava ai mass media locali un comunicato stampa per sollecitare il dibattito pubblico e le istituzioni. Riuscimmo. Infatti, la questione divenne di dominio pubblico e l’allora Prefetto di Matera, Dott. Pizzi, che in numerose occasioni sostenne le lotte per la legalità di MuoviAmo Tursi, apprendendo la notizia dai giornali, chiese chiarimenti all’amministrazione comunale con nota del 23 giugno 2014. Continue reading Lo sporco del Pescogrosso – Parte 2 →

Lo sporco del Pescogrosso – Parte 1

tursi pescogrosso 1I nostri racconti iniziano sempre con una data. Questa volta era il 22 febbraio 2014. E i nostri racconti proseguono sempre così: alcuni cittadini ci avevano segnalato un grave inquinamento fognario a valle del depuratore comunale, in contrada Canala. La struttura è dell’Acquedotto Lucano, gestita da privati. Però la responsabilità era anche dell’amministrazione comunale, prima autorità sanitaria sul posto. Il 25 febbraio facemmo partire la prima segnalazione all’Acquedotto Lucano, all’Arpab, al Noe, all’Ispettorato della Forestale a Roma. Il 28 febbraio venni contattato dalla Forestale di Tursi per un sopralluogo congiunto. La nostra segnalazione aveva mosso qualcosa. Da allora, i primi provvedimenti vennero presi. Continue reading Lo sporco del Pescogrosso – Parte 1 →

Fine dell’inquinamento del Pescogrosso?

depuratore tursiSono passati 2 anni, ma i primi frutti si vedono. Le cose fatte bene richiedono tempo ed energia per la semina. Ricordate la nostra battaglia contro l’inquinamento del canale Pescogrosso a valle del depuratore comunale in contrada Canala? Il Corpo Forestale dello Stato ha emesso 4 denunce nei confronti dei legali rappresentanti e dei tecnici della società che gestiva il depuratore con le seguenti ipotesi di reato: “inquinamento, danneggiamento aggravato di acque pubbliche, omissione di atti d’ufficio da parte di incaricato di pubblico servizio e frode in pubbliche forniture”. Continue reading Fine dell’inquinamento del Pescogrosso? →