Crea sito

Perdita di percolato alla vecchia discarica di Tursi

discarica tursiL’11 dicembre 2012, un terrapieno della vecchia discarica di Tursi in località Canala ha mostrato un cedimento. Ciò ha portato alla rottura del telo di polietilene e si è verificato lo sversamento di percolato in un canale di scolo in terra battuta. La causa dell’accaduto è da addebitarsi all’eccessiva precipitazione piovosa. L’ultima informazione pubblica a nostra disposizione è che il Comune spenderà 26,2 mila euro per la bonifica di urgenza, di cui 20 mila andranno alla ditta Smeda Srl di Tursi e 1,2 mila euro alla Consuleco Srl di Bisignano (CS), a cui bisogna aggiungere il 21% di Iva. Ma facendo i conti precisamente abbiamo: 20 mila euro + 4,2 mila euro di Iva + 1,2 mila euro + 252 euro di Iva = 25,65 mila euro di totale. Che fine hanno fatto gli altri 550 euro? Ma le domande non finiscono qui: Quanti millilitri di acqua sono caduti nella settimana precedente all’evento? Chi può affermare con sicurezza che l’accaduto è da addebitarsi alla pioggia e non alla mancata manutenzione? Quanti chili di percolato si sono riversati nel terreno? Che composizione chimica ha il terreno? Quando si è verificata precisamente (data e ora) la rottura del telo di polietilene? Quanto tempo è passato dalla rottura del telo all’intervento di bonifica? Il canale in terra battuta nel quale si è riversato il percolato era pieno d’acqua? E l’acqua scorreva? Chi si è accorto della problematica? Chi l’ha denunciata? Quante volte al mese vengono effettuati i prelievi del percolato dai pozzi di raccolta? Da quale società vengono effettuati? Chi accoglie il percolato? La questione è di importanza vitale. Se per una piovosità media succede ciò, figurarsi con eventuali eventi eccezionali, molto frequenti negli ultimi anni.

Chiedo all’ufficio tecnico di attivarsi per l’immediata pubblicazione sul sito internet del Municipio del verbale tecnico redatto per il successivo affidamento dei lavori.

Se dipendesse da me, l’imperativo sarebbe:

-pubblicare online tutti i documenti tecnici redatti dall’ufficio comunale competente;

-pubblicare online un reportage fotografico dell’accaduto;

-pubblicare una relazione online rispondendo a tutte le domande prima elencate, riassumendo tutto ciò che l’amministrazione comunale conosce dell’accaduto;

-esaminare l’intera struttura della discarica per individuare ulteriori criticità;

-chiedere l’intervento di Provincia e Regione per la fornitura di tecnici specializzati.

Fonte informazioni: Albo pretorio del Comune di Tursi

Fonte foto: Google

    One Response to “Perdita di percolato alla vecchia discarica di Tursi”

    1. Antonio Di Matteo ha detto:

      Regola numero 3: Commenti con indirizzi email anomali non verranno approvati, fino alla conclusione della seguente procedura di verifica: l’amministratore provvederà ad inviare un’email di verifica all’indirizzo indicato nel commento; se nessuno risponderà, il commento verrà eliminato definitivamente; se ci sarà risposta, allora il commento sarà approvato.