Crea sito

Nessuna convenzione Siae a Tursi

siae tursi convenzioneNegli scorsi anni, per le manifestazioni estive, il Municipio di Tursi si prodigava per sottoscrivere una convenzione con la Siae. I risultati di questa azione erano molteplici: un risparmio per gli organizzatori di eventi che non pagavano quanto dovuto alla Siae; un maggior coordinamento essendo la procedura centralizzata; maggiore comodità per gli organizzatori perché non dovevano girare per gli uffici a sbrigare individualmente pratiche dispendiose. Quest’anno, la solita amministrazione comunale non ha voluto rinnovare l’impegno. Il motivo ufficiale è la mancanza di soldi, quello vero è intimorire, demonizzare, svilire, depauperare, demotivare chi in questi mesi ha cercato con il proprio sudore di dare nuovo lustro alla Città, senza chiedere nulla, cercando solo la collaborazione delle istituzioni pubbliche, a tutti i livelli.

La scusa della mancanza di soldi nelle casse comunali è una mezza verità. È vero, i soldi non ci sono, ma in questa occasione, i soldi ce li avrebbero messi tranquillamente gli organizzatori degli eventi e i loro sponsor, che avrebbero avuto convenienza alla sottoscrizione della convenzione centralizzata.

Ora, senza convenzione, ogni organizzatore dovrà svolgere in piena autonomia tutte le pratiche del caso, con i conseguenti oneri aggiuntivi. A livello sociale, quindi, c’è stata una perdita secca. Anche se l’ente Municipio ne ha beneficiato nel breve periodo (mancata spesa quindi risparmio), gli organizzatori spenderanno di più o eviteranno di promuovere eventi. Sommando il beneficio pubblico a quello privato, la Città di Tursi ha avuto una grave perdita. In economia si suole dire, che l’intervento nel sistema economico di un pianificatore benevolente, il social planner, sotto alcune condizioni, massimizza l’utilità sociale. Peccato che a Tursi, il pianificatore non è benevolente, ma dannoso e menefreghista.

Fonte foto: www.italianprog.com

    3 Responses to “Nessuna convenzione Siae a Tursi”

    1. oreste morano ha detto:

      condivido appieno il concetto! e poi dicono che si parli male dell’amministrazione! come si fa a essere daccordo su questo tipo di soluzione!?
      Oreste

      • Antonio Di Matteo ha detto:

        la convenzione è una soluzione economicamente conveniente. l’unico motivo per opporsi alla convenienza è di natura ideologica. quindi gli amministratori hanno scientemente deciso di intralciare l’attività culturale e sportiva libera tursitana.

    2. oreste morano ha detto:

      bo!!! spero per la loro dignità, che diano una spiegazione plausibile e concreta a questa scellerata scelta. non capisco come alcuni amministratori (che conoscevo e stimavo per la loro integrità e onestà) possano lasciarsi trascinare in questo vortice di malefatte da qualcuno, da cui negli anni scorsi ne hanno subito, con intralci e ostruzzionismi, il fetore dell’alito sul collo. auguri per la loro nuova condizione di integrità e onestà.