Crea sito

Magia nel Pescogrosso

parcheggi pescogrosso muliniDa alcune settimane sono iniziati i lavori che interesseranno i Mulini nel Pescogrosso di Tursi. Sulla base di un progetto di 4 anni fa, verrà eseguito un percorso naturalistico adatto agli amanti del verde e della storia. Però vanno fatte alcune precisazioni. Stanziamento iniziale di 200 mila euro, dopo qualche mese si è passati senza motivo a 95 mila euro, per arrivare infine, sempre senza motivo, ai 52 mila euro attuali. Si tratta, o meglio, si trattava, di fondi provinciali per le compensazioni dovute al nucleare. Questi fondi furono faticosamente ottenuti da Francesco Gallicchio dalla Provincia di Matera. Gallicchio da moltissimi anni difende queste strutture dall’incuria e dall’abbandono, a titolo personale: ben 7 i mulini che è riuscito a riscoprire lungo il Pescogrosso. Che fine hanno fatto i 148 mila euro di differenza tra il primo e il definitivo stanziamento? Sappiamo per certo che sono rimasti in dotazione dell’amministrazione comunale che li ha probabilmente utilizzati nei suoi sporchi giochetti per coprire i buchi di bilancio e la sua gestione fallimentare.

lavori mulini pescogrosso tursi tabellaMa la Provincia di Matera è stata informata? I cittadini-contribuenti sono stati informati? La trasparenza è stata utilizzata insieme alla breccia per fare i parcheggi?

Piccola chicca: sono state create delle strutture in legno molto pericolose, inutilizzabili per anziani e bambini. Un parco ambientale buono solo per infortunarsi. Pochi soldi e spesi pure male…

La Città di Tursi, grazie all’amministrazione comunale, ha perso l’occasione di creare una struttura all’avanguardia, attrezzata di tutto punto, per valorizzare il nostro canale e la Pineta. Invece, sul Pescogrosso sono stati eseguiti soltanto lavori provvisori, inutili ed inadatti all’utilizzo per i quali sono stati predisposti.

Fonte foto: Antonio Di Matteo

    4 Responses to “Magia nel Pescogrosso”

    1. gianpiero d ha detto:

      ciao, sono curioso di vedere il posto. mi diresti dove si trova?. si scende al secondo ponte? o devi fare qualceh altra strada?

      • Antonio Di Matteo ha detto:

        devi scendere al terzo ponte, dove c’è la strada asfaltata che scende nel canale. dopo aver oltrepassato il letto del canale, puoi parcheggiare la tua auto proprio nei parcheggi che ho fotografato e dopo puoi farti un giretto a piedi salendo in direzione della fonte del pescogrosso. i lavori riguarderanno solo un mulino e non tutti quelli preventivati. non si sa chi ha modificato il progetto iniziale e quindi anche ridotto i fondi a disposizione. ma pare evidente, per deduzione, la mano dell’amministrazione comunale che ha meticolosamente occultato tutto.

    2. Nicola Persiani ha detto:

      Ciao Antonio, da molto tempo che non ci sentiamo, questa notizia apparentemente sembra una bella notizia, ma da quello che hai detto con i diversi tagli, l’esigua somma rimasta basterà solo, se ci riescono, a fare una strada sterrata e non la totalità della strada necessaria. Speriamo almeno che il progettista, prevedendo che i soldi non basteranno, dia la priorità alle cose necessarie, mettendo in cantiere l’idea che i prossimi stanziamenti possano dare continuità ai progetti totali dell’opera. Sono preoccupato che ora si spenderanno dei soldi che dopo non saranno in continuità col progetto iniziale, per cui temo si possano spendere dei soldi pubblici per lavori che successivamente potrebbero risultare non utili per il prosieguo dell’intiero progetto sull’ottimizzazione dei percorso dei mulini del torrente Pescogrosso. Il suggerimento è: si potrebbe formare un piccolo comitato di esperti, tre o quattro persone che prendono visione del progetto in toto, all’ufficio tecnico del comune e successivamente con continui sopralluoghi verificare il rispetto del progetto nei lavori di esecuzione. Dal 1 settembre e per due settimane sarò tra Tursi e Nova Siri ci si potrebbe incontrare per decidere qualcosa ” ad hoc “.Mi piacerebbe fare il percorso dei 7 mulini per scoprire questa meraviglia tursitana. Sempre con stima e rispetto Nicola

      • Antonio Di Matteo ha detto:

        buona sera Prof. un tecnico lungimirante avrebbe dovuto imbastire il progetto con i pochi soldi a disposizione in attesa di fondi ulteriori, come ha detto lei, ma non credo che sarà così. ai nostri amministratori servono operette da cantierare, su cui speculare e poi alla fine inaugurare per farsi fotografare con festanti zerbini che li ronzano attorno. una volta scritto l’articolo promozionale sul giornale, il parco viene abbandonato. questo è quello che accadrà.
        per quanto riguarda il comitato di esperti, dovrà trovare altri tecnici che la possano supportare e quindi rivolgersi all’ufficio tecnico sperando di ricevere la dovuta documentazione per potersi fare un’idea del progetto e di come verrà realizzato, con i suoi pregi e difetti. non credo però che potranno essere apportate migliorie, la presunzione impera in municipio.
        per quanto riguarda il percorso dei 7 mulini, io ne conosco solo uno, il primo. per gli altri 6 dovrebbe rivolgersi a Gallicchio che meglio di tutti conosce quegli anfratti rocciosi.