Crea sito

Digitale terrestre: problema pubblico

mario cuccareseSabato 26 ottobre si è tenuto un incontro pubblico per discutere le problematiche relative al digitale terrestre, organizzato dal costituente Comitato MuoviAmo Tursi. Hanno partecipato come ospiti: Nino D’Andrea, Presidente dell’associazione di consumatori Adoc; Ercole Trerotola, Presidente Co.Re.Com. Basilicata; Domenico Malvasi, in rappresentanza della categoria Antennisti della Confartigianato di Matera. Alla serata si sono aggiunti l’Assessore del Comune di Scanzano Angelo Lunati con deleghe al Bilancio, Scuola, Cultura, Commercio, Politiche Sociali, in rappresentanza dell’intero Consiglio comunale della cittadina jonica e il Prof. Giuliano Savi, isabella buccolieridocente universitario in pensione di diritto delle comunicazioni e consulente giuridico per numerosi enti pubblici. Assente Rai Way, che nonostante l’invito ufficiale, ha preferito evitare la platea tursitana consapevole delle proprie inequivocabili responsabilità.

La serata, egregiamente diretta da Mario Cuccarese, è iniziata con la schietta e concisa presentazione del Comitato MuoviAmo Tursi fatta da Isabella Buccolieri.

nino d'andrea adocA seguire il Presidente D’Andrea, che dopo una breve introduzione all’attività dell’associazione dei consumatori, ha spiegato ai presenti quali sono e saranno le principali problematiche relative al digitale terrestre. L’Adoc, già nel giugno 2013, interessò il Co.Re.Com. di Basilicata dei disagi che i cittadini vivevano a Tursi. Da allora, ancora nulla è cambiato, nonostante le numerose e vuote rassicurazioni di Rai Way. D’Andrea ha anche esposto alcune possibile azioni che i cittadini possono già da ora concretizzare per non pagare più il canone Rai. Nei prossimi giorni, dedicheremo un articolo soltanto a queste raccomandazioni.

ercole trerotola corecomSuccessivamente, il Presidente Trerotola ha ripercorso l’iter che ha portato l’intera Basilicata a subire il disservizio televisivo. “Con il digitale terrestre, invece del miglioramento promesso, c’è stata una riduzione del servizio.” Riassumendo la comunicazione che aveva ricevuto dall’ingegnere responsabile di Rai Way di Basilicata, Trerotola ha informato i cittadini che nonostante il problema sia la mancanza di investimenti da parte della società, essa ritiene che la causa principale della mancata ricezione del segnale sia la bassa qualità degli apparecchi ricettivi di proprietà dei cittadini (antenne, televisori e decoder). Il Presidente del Co.Re.Com. ha anche portato l’esempio di altre regioni italiane che hanno lo stesso problema: Calabria, Campania, ma soprattutto la Liguria, la peggio servita di tutta Italia.

professore giuliano saviIl Prof. Savi, dopo una premessa tecnica sulla normativa, ha affermato che prima di ogni decisione popolare ed istituzionale, bisogna sincerarsi della qualità del segnale. L’Ispettorato territoriale del Ministero dello sviluppo economico è tenuto a questo controllo. Successivamente, la Rai dovrà essere obbligata a garantire il servizio minimo previsto dalla normativa. Se così non sarà, si potrebbe realizzare da parte di Rai un grave pregiudizio ai danni dei cittadini.

domenico malvasi confartigianatoIl tecnico Malvasi, dopo aver distinto gli istallatori e antennisti qualificati rispetto a quelli non qualificati, che si improvvisano tali ma che non hanno né gli strumenti né la preparazione per poter risolvere i problemi dei cittadini, ha indicato alla platea come unica alternativa possibile la tecnologia Tv-Sat, che tramite l’antenna parabolica schiva la difficoltà.

Più di 70 i cittadini del pubblico, numerosi i loro interventi, sia a testimoniare i disagi vissuti quotidianamente sia a proporre soluzioni.

assessore angelo lunatiA concludere, l’intervento dell’Assessore Lunati, che ha spiegato l’azione futura dell’Amministrazione comunale di Scanzano: prima una delibera di Consiglio comunale per chiedere a Rai Way i necessari investimenti risolutori e poi il coinvolgimento di tutti i sindaci del Metapontino per fare fronte comune ed alzare il livello di attenzione Comune per Comune.

Si ringraziano ancora gli ospiti per aver contribuito e i cittadini che hanno partecipato.

Fonte foto: Monica Violante

    Comments are closed.