Crea sito

Benefici della gestione pubblica del ciclo dei rifiuti – 1 di 3

conai matera tursiNei seguenti tre articoli si cercherà di raccogliere il maggior numero di benefici derivanti da una gestione pubblica comprensoriale del ciclo dei rifiuti per le amministrazioni comunali  e per i cittadini, senza la pretesa dell’esaustività.

La gestione pubblica comprensoriale porta i piccoli Comuni dell’area del Basso Sinni a coalizzarsi, a fare rete, per entrare sui mercati dei rifiuti come un unico grande soggetto, invece che come tanti piccoli enti. Presentarsi con considerevoli quantitativi di rifiuti riciclati ad ogni asta nazionale dei rifiuti, vuol dire mostrare professionalità, competenza e soprattutto forza contrattuale. Ciò consentirà di spuntare prezzi migliori e di fare concorrenza a competitori di tutta Italia.

Una gestione efficiente, che ad avviso di chi scrive, potrà essere realizzata solo con una oculata, onesta e lungimirante direzione pubblica, consente un immediato miglioramento della qualità della vita dei cittadini, con una riduzione di problematiche sociali come disoccupazione e inquinamento del territorio (e quindi malattie). Infatti, per una società pubblica sarà più facile riduzione i pericoli di igiene, non dovendo ogni volta predisporre un ordine di servizio per obbligare una società privata a realizzare una bonifica.

Ancora, una gestione pubblica comporta un innalzamento del livello di attenzione da parte dei cittadini alle tematiche ambientali. Si potrà realizzare un’educazione ambientale diretta, tramite campagne informative mirate, ma anche indiretta, quando la società comprensoriale mostrerà ai cittadini i risultati di una buona gestione dei rifiuti.

Altri benefici per le amministrazioni comunali derivano dal risparmio nella gestione del servizio, perché se si realizza un progetto che tiene conto della ripartizione degli abitati e delle frazioni, senza badare ai confini comunali, sicuramente questo garantirà risparmi nella spesa, a parità di servizio erogato. A titolo esemplificativo: la frazione di Panevino, in territorio di Tursi, dista solo 5 km da Policoro, mentre ne dista 15 dal suo capoluogo. Sarebbe meno oneroso per i mezzi e gli operatori di Policoro eseguire il servizio a Panevino, piuttosto che per quelli di Tursi.

Fonte foto: www.oltrefreepress.com

    Comments are closed.