Crea sito

Dissesto idrogeologico in Rabatana – Parte 5 di 5

rabatana alberoProseguiamo con gli articoli sul dissesto in Rabatana. Ancora nella nota del 25 febbraio 2014, chiedevamo all’ing. Morisco alcune semplici cose. Tutti sapete che alcune aree della Rabatana sono soggette a stringenti vincoli a causa della pericolosità della struttura della timpa che sorregge il rione arabo. Il Dott. Maurizio Lazzari e la Dott.ssa Cinzia Zotta, del CNR, sempre nel loro lavoro di studio geologico intitolato “Utilizzo del GIS nella valutazione del rischio geomorfologico ed in recupero del patrimonio storico-architettonico: un approccio integrato per lo sviluppo di trasferimento totale della Rabatana di Tursi (Basilicata)”, al paragrafo 3.1 evidenziarono le problematiche geologiche e le cause di dissesti del rione Rabatana, tra cui: “…infiltrazione di acque piovane, favorita dalla mancanza di coperture di edifici degradati; …diffusa fratturazione delle sabbie del substrato, soprattutto lungo il perimetro esterno dove la vegetazione arbustiva ne ha allargato le sezioni favorendo l’infiltrazione d’acqua e l’erosione sotterranea…”. Abbiamo chiesto a Morisco quali sono le azioni che realizzerà il Comune di Tursi al fine di contrastare le problematiche geologiche e cause di dissesti del rione Rabatana, indicate nello lavoro di studio geologico suindicato e quali sono le azioni che realizzerà al fine di sottoporre a svincolo di trasferimento l’intero abitato della Rabatana. Si sciacquano la bocca con la tutela del centro storico ma non hanno letto i più basilari articoli scientifici che lo riguardano. Come possono tutelare la Rabatana se non sanno neanche quale è la causa dei suoi problemi? Come possono salvarla se non conoscono la cura? Secondo voi Morisco e l’amministrazione comunale hanno risposto? Sono troppo impegnati con il bando sui rifiuti. Sono troppo indaffarati a svendere la nostra Città e le sue risorse, e a distruggere tutto il resto. Ignoranti distruttori. 

Fonte foto: Antonio Di Matteo

    Comments are closed.