Crea sito

La rinascita della storia dell’arte? – Parte 2 di 2

tursi rabatanaMi piace essere ottimista anche in considerazione del fatto che quest’anno, in qualità di Volontario del Fondo Ambiente Italiano della sede di Milano, ma anche come ex docente di Storia e Letteratura Italiana nelle scuole superiori, ho vissuto un’esperienza molto coinvolgente ed interessantissima anche dal punto di vista umano.

Un Professore, docente  dell’ I.P.S.E.O.A. (Istituto Professionale Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera) in Via Uruguay,26 a Milano, si è messo in contatto con il FAI di Milano ed ha chiesto se era possibile organizzare un corso di Storia dell’Arte per i suoi studenti del quarto anno, perché sentivano la mancanza e quindi la necessità di informazioni sull’Arte a Milano, in occasione anche dell’Expo 2015, come operatori del settore alberghiero e della ristorazione. Il FAI di Milano accoglie la richiesta e prontamente convoca tutti i volontari disponibili per la preparazione di un pacchetto di sei lezioni da tenere all’Istituto “Carlo Porta” nella sala conferenze, nel pomeriggio ad intervallo di settimane alterne il Martedì, perché gli orari di lezione degli studenti permetteva solo questo giorno della settimana. All’appello rispondono più di venti persone, con varie esperienze pregresse: ex docenti, architetti, ricercatori universitari, studiosi ed appassionati dell’Arte. Dopo una serie di incontri, si formano sei gruppi, pari alle lezioni da tenere. La città di Sant’Ambrogio viene suddivisa in sei periodi storici: 1) Milano romana ed altomedioevale; 2) Dal Comune alle Signorie; 3) Milano spagnola, con l’epoca del Cardinal Borromeo, il Seicento ed il Barocco; 4) La dominazione Austriaca e le parentesi francesi; 5) Dal Risorgimento alla Modernità; 6) Dal secondo dopoguerra  ad oggi (affari-moda-arte-architettura ed altro).

Dopo quasi due mesi di indagini e ricerche i gruppi hanno prodotto il materiale utile per le sei lezioni, con immagini, musica e schemi, per supportare meglio gli studenti a memorizzare in modo ottimale le varie epoche e dei vari siti artistici della città meneghina. Per dare un taglio diverso al ciclo delle lezioni, non si è partito dall’antichità ad oggi, ma gli incontri didattici si sono avviati a partire dall’oggi e soltanto dopo si è proceduto evidenziando gli eventi a partire dall’antichità. Il ciclo delle lezioni, della durata di 90 minuti, con un piccolo intervallo, si sono svolte da marzo a maggio 2014, subito dopo i ragazzi sono partiti per gli stages.

L’esperienza degli studenti, nonostante le lezioni si siano svolte dopo 8 ore di attività scolastiche antimeridiane, è stata vissuta in modo molto positiva, spesso con scrosci di applausi verso i docenti improvvisati, per ringraziarci del lavoro svolto con entusiasmo e come segno di riconoscimento del nostro impegno ci hanno di frequente ringraziato calorosamente offrendoci dolcetti che loro stessi avevano preparati nel Laboratorio di Enogastronomia dei prodotti dolciari. Tutti i componenti dei gruppi si sono  sentiti molto gratificati, per essere stati utili ai giovani desiderosi di sapere sull’Arte, grazie anche all’attenta, preziosa ed ottima regia della coordinatrice, responsabile dei Volontari della sede FAI di Milano. Buon lavoro ragazzi a tutti voi.

Nella speranza che l’attuale Governo trovi i fondi per ripristinare lo studio della disciplina Storia dell’Arte nelle scuole pubbliche, possiamo suggerire a tutte le Regioni Italiane di rendersi disponibili ad organizzare cicli di lezioni sulle storie  artistiche e paesaggistiche dei propri Comuni e Province, magari dando l’incarico ad operatori esperti dei FAI regionali, visto che dal 1974 il FAI, con mille attività, protegge, restaura e tutela saggiamente tantissimi siti artistici e paesaggistici d’Italia.

    Comments are closed.