Crea sito

Contro la crisi: combattere la corruzione e il clientelismo

Sigarette mazzettaLa crisi economia non tende affatto a placarsi, anzi, il perdurare della debolezza economica potrebbe minare ulteriormente quei settori che fino ad oggi avevano provato a resistere. Per combattere la crisi, ci sono molti provvedimenti che un’amministrazione comunale può mettere in cantiere. Primo tra tutti, combattere la corruzione. Per fare qualche esempio, la corruzione è un costo per l’imprenditore che la paga, è un costo per il cittadino che è costretto a pagare più tasse per consentire al dirigente e al politico di turno di intascare la mazzetta, è un costo sociale perché riduce la fiducia dei cittadini nelle pubbliche amministrazioni, è un costo economico perché nega alle imprese più efficienti di lavorare favorendo le imprese meno efficienti. Stesso ragionamento si può fare per il clientelismo e il favoritismo. Il voto di scambio pagato con l’uso di risorse comunali è sempre molto in voga.

Ecco perché un’amministrazione comunale che combatte la corruzione e il clientelismo, darà nuovo slancio all’economia sana, alle imprese che puntano alla produzione e che ci tengono alla propria reputazione, e non alle imprese che puntano solo al profitto, fine a sé stesso. Così facendo ci sarà una naturale cernita che allontanerà i delinquenti e favorirà un contesto economico salubre e stimolante, tanto da attirare nuove imprese anche da territori limitrofi.

Un’amministrazione comunale è il primo presidio contro la delinquenza organizzata, perché la criminalità penetra un tessuto sociale proprio iniziando dagli appalti pubblici. Spesso accade che il responsabile dell’anticorruzione in un Comune è anche chi intasca le mazzette.

    Comments are closed.