Crea sito

Gli investimenti hanno perso valore – Parte 3 di 3

avvoltoiA quanto detto nei due articoli precedenti, bisogna aggiungere altro ancora. L’obiettivo di questi articoli non è soltanto dimostrare le variabili che influenzano il valore di un investimento (un’impresa, una casa, un attività commerciale, ecc.), ma anche quali sono i poteri che, nel bene o nel male, un’amministrazione comunale può utilizzare per risollevare (o affossare) le sorti del sistema economico tursitano. Perché le imprese tursitane sarebbero anche pronte ed equipaggiate per concorrere a livello nazionale ed internazionale, ma almeno pretendono che non ci sia una marmaglia di ignoranti ed incapaci avvoltoi tra i piedi. Questo è il minimo che gli imprenditori chiedono. Se poi gli uffici pubblici sono capaci di offrire un servizio efficiente e competente, in tempo e a costi bassi, la competitività delle imprese tursitane sale e di parecchio.

L’ignoranza di chi sta amministrando, ancora per poco, la Città di Tursi è sotto gli occhi di tutti. Fanno ordinanze e poi le revocano o correggono perché sbagliate. Non conoscono o non vogliono applicare la normativa nazionale perché non conviene ai singoli componenti dell’amministrazione comunale o ai dirigenti. Svendono il patrimonio comunale tramite atti annullabili, con trattativa privata, con gravissimi abusi di potere, a prezzi irrisori, con evidente danno alla collettività. Inoltre, questione che abbiamo avuto modo, come MuoviAmo Tursi, di trattare direttamente, è l’approvazione di un bilancio comunale (Consuntivo 2013) annullabile e quindi impugnabile, perché non si era tenuto conto della nostra petizione. Idem l’assegnazione del servizio di gestione dei rifiuti alla ditta Tecknoservice, la cui procedura era inficiata per lo stesso motivo. Ignoranza, mista ad incapacità e menefreghismo, dell’amministrazione comunale hanno messo a grave rischio la nostra intera comunità, con il baratro del dissesto finanziario e igienico-sanitario alle porte.

Se poi aggiungiamo che il consigliere Cuccarese ha un figlio assunto dalla Tecknoservice, pagato con i soldi dei cittadini tursitani, possiamo capire chi comanda a Tursi. Il sindaco è comandato da Veneziano. Veneziano è comandato da Cuccarese. Quindi comanda Cuccarese. Questo va detto agli imprenditori, agli agricoltori e ai commercianti, e va detto chiaramente: oggi Tursi e i tursitani sono ostaggio della peggiore categoria di “politici”. Come possiamo pretendere che le imprese investano? Come possiamo immaginare un futuro florido con tali gravi deficit?

    Comments are closed.