Crea sito

Come aiutare anziani e disabili nella quotidianità

anziani tursiIn giro per l’abitato di Tursi, sia di mattina che di pomeriggio, si notano un sacco di anziani che si dimenano per le strade comunali armati di bastoni o accompagnatori, per svolgere alcune commissioni di persona. Per esempio, andare alle Poste per prelevare la pensione, oppure andare a comprare le medicine o fare un po’ di spesa quotidiana. Eppure questi anziani, che spesso superano gli ottant’anni, non sono per niente nelle condizioni fisiche di affrontare le varie salite e discese del nostro centro abitato, superare barriere architettoniche che non si notano neanche agli occhi dei giovani pimpanti. Anche un semplice dislivello nel marciapiede può rappresentare un pericolo. Infatti, basta poco per cadere, con conseguenze gravi. E allora cosa può fare un’amministrazione comunale attenta per rimediare? Oltre a ridurre le barriere architettoniche presenti per le principali strade cittadine, ci sarebbe una soluzione concreta per assistere ed affiancare gli anziani e i cittadini non autosufficienti in tutte le faccende della quotidianità. Con il supporto dell’amministrazione comunale, potrebbe nascere una cooperativa di persone specializzate per offrire servizi di assistenza domiciliare e sanitaria di qualità, a livelli professionali, con la corresponsione di una piccola percentuale della propria pensione di anzianità  o invalidità. Se oggi una badante potrebbe costare anche più di 500 euro mensili, un servizio efficiente tramite sistemi incentivati fiscalmente e organizzati, potrebbe costare anche meno di 300 euro per anziano assistito, con l’aggiunta che il servizio è offerto da persone specializzate nell’assistenza. Ci sarebbe quindi una riduzione della spesa per il cittadino, un sostegno immediato e professionale per l’anziano o il non autosufficiente e un sollievo per la famiglia che si libera di alcune preoccupazioni non trascurabili. Ciliegina sulla torta: la creazione di posti di lavoro tra qui tursitani che quelle professionalità le hanno acquisite.

MuoviAmo Tursi ha fatto la propria proposta in merito, che potrai leggere cliccando QUI.

Fonte foto: sociale.corriere.it

    Comments are closed.