Crea sito

Aumenti della TARI – Parte 3

paradiso fiscaleSempre in merito alla Tari, dato che la ditta Teknoservice ha dichiarato arbitrariamente meno costi fissi, per quanto riguarda le utenze domestiche la componente fissa della Tari si è ridotta del 30% in media per tutti. Viceversa, dato che la ditta ha dichiarato sempre arbitrariamente più costi variabili, la componente variabile della Tari è aumentata dal 100% al 150%, a seconda del numero di componenti il nucleo familiare. La componente fissa del costo grava sulla bolletta in base ai metri quadri dell’immobile. La componente variabile grava sulla bolletta in base ai componenti del nucleo familiare. Con questi valori, chi ha subito una riduzione della Tari è un rarissimo caso, non dovuto alla volontà politica, ma a una mera coincidenza di fattori matematici favorevoli. Chi ha una grande casa e una famiglia con pochi componenti, ha avuto una riduzione della Tari. Chi ha una piccola casa e una famiglia numerosa, ha avuto un considerevole aumento della Tari. Le fasce più povere dai cittadini hanno avuto la mazzata maggiore.

A chi la Tari è diminuita, vuol dire che la riduzione della componente fissa è stata superiore dell’aumento della componente variabile. A chi la Tari è aumentata, vuol dire che la riduzione della componente fissa è stata inferiore dell’aumento della componente variabile. Difficile da spiegare, ma facile da intuire.

E chi è il responsabile di questi aumenti indiscriminati, che pesano soprattutto sulle famiglie numerose? L’assessore al bilancio Caldararo, che nascondendosi dietro ipocriti slogan, ha di fatto impoverito migliaia di famiglie e arricchito la ditta. Speriamo che assessori e consiglieri comunali di maggioranza, grazie a queste spiegazioni, si rendano conto del grave ed impopolare atto che hanno fatto e chiedano la testa di Caldararo a Cosma. Il danno elettorale causato da Caldararo ai consiglieri di maggioranza neoeletti è stato enorme. A voglia che loro faticano a fare “il bene dei cittadini”. Tanto poi arriva Caldararo e distrugge tutto.

    Comments are closed.