Archivio mensile:Novembre 2015

Resoconto consiglio comunale del 28 novembre 2015 – Parte 1

consiglio comunaleDopo le interrogazioni degli altri consiglieri comunali di opposizione, al consigliere di MuoviAmo Tursi, Antonio Di Matteo, Cosma e presidente del consiglio volevano impedire di fare un’interrogazione consiliare a risposta scritta su un importante progetto da 850 mila euro rivolta all’assessore ai lavori pubblici. Leggendo in maniera del tutta erronea un articolo del regolamento per le sedute di consiglio comunale, il presidente ha chiesto l’intervento dei Vigili ordinando loro di allontanare di peso il consigliere Di Matteo dall’aula perché quest’ultimo cercava di fare la sua breve e circostanziata interrogazione. Alla fine, Di Matteo ha fatto prevalere le sue ragioni e ha realizzato la sua interrogazione, sull’utilità del progetto del tratturo preistorico, Continua a leggere

Delegiferare per essere uno Stato moderno

renzi tursiDopo Craxi, Berlusconi e, aggiungerei, anche con diverse sfumature e in diversi contesti, tutti gli altri capi di governo fino a Renzi, tutti hanno tentato di cambiare il Paese e tutti si sono imbattuti in un soggetto politico insuperabile come potere di interdizione cultural-mediatico. Tutti siamo a conoscenza che questo potere d’interdizione ha svolto un ruolo non indifferente su tutto il panorama politico italiano dalla seconda repubblica in avanti. Ormai è storicamente accertato e accettato da molti studiosi di politica. Il veto-player costituisce un partito-non partito sempre all’opera che a volte predilige, in modo subdolo, nascondersi dietro posizioni formalmente ineccepibili, Continua a leggere

Consiglio comunale il 28 novembre 2015

consiglio comunaleIl consiglio comunale di Tursi è stato convocato presso la sala consiliare, in sessione ordinaria ed in seduta di prima convocazione per il giorno 28 novembre 2015 alle ore 9.00, ed in seduta di seconda convocazione per il 4 dicembre 2015 alle ore 9.00, per trattare i seguenti argomenti posti all’ordine del giorno:

1-Comunicazioni del presidente del consiglio  e/o del sindaco.

2-Regolamento per le sedute del Consiglio comunale – Art. 4 – Eventuali interrogazioni. Continua a leggere

Il cambiamento del clima

inquinamento co2In illo tempore, da molto tempo, penso e ripenso cosa significa e a cosa serve l’anidride carbonica, CO2, tante volte menzionata nei libri di chimica. L’anidride carbonica è un gas che oggi è al centro di vivacissime discussioni, e che agli occhi di persone inesperte è nemico dell’ambiente, è un gas cattivissimo. La CO2 viene immessa nell’atmosfera in ragione di circa 30 miliardi di tonnellate all’anno, dalla combustione del carbone, petrolio e gas naturale, dalla produzione del cemento e dagli incendi delle foreste. Il continuo aumento della sua concentrazione nell’atmosfera è responsabile del lento riscaldamento dell’intero pianeta e delle crisi climatiche. Continua a leggere

Il sud e i suoi mali

sud tursiLa mattina entrando nel bar per una colazione, involontariamente lo sguardo ti porta verso i giornali e  leggi i titoli che riassumono tutta la cronaca che il giornalista si accinge a descrivere. Basta leggere i giornali per capire dove va il nostro sud? Certamente sì. 50% dei giovani senza lavoro, una famiglia su tre in uno stato di povertà. E … poi corruzione, corruzione sempre corruzione in tutti gli ambienti. Alla corruzione si aggiunge purtroppo anche lo spargimento di sangue: “I tetti di Napoli poligono dei baby-killer”. “Il pentito ed i seguaci del boss”, “ L’inchiesta sugli appalti” e così via discorrendo, ogni giorno un titolo che ci mette sempre in allarme, fino alle inondazioni di questi giorni. Continua a leggere

Teknoservice: ancora disservizi?

cestino soldi pubblici rifiutiAnche oggi, dopo le numerose segnalazioni dei cittadini, ci troviamo a denunciare il continuo stato di disservizio nella gestione dei rifiuti e dell’igiene urbana della nostra Città. Mancata raccolta dei sacchetti nel centro storico, nella centralissima via Roma, nelle frazioni. Enormi ratti che vivono spensierati nelle case disabitate del centro storico o nei rioni residenziali del centro abitato. Eppure la ditta ha ricevuto il pagamento di numerose mensilità in arretrato, per quasi 250 mila euro. Ora la scusa che non ci sono i soldi non esiste più. Ora tutti hanno tutto ciò che serve affinché il servizio funzioni al meglio. E le tasse sono pure aumentate, e di parecchio, per tutelare il buon andamento del servizio. Eppure, il servizio è sempre più scadente. La granit(ic)a amministrazione comunale latita di fronte ai problemi dei cittadini. C’è bisogno di fare petizioni popolari per avere una derattizzazione? C’è bisogno di una petizione popolare per avere i sacchetti dei rifiuti raccolti? Continua a leggere

Il buongiorno di Tursi

estate tursiBuongiorno, buongiorno a tutti. Oggi, mi sento particolarmente motivato a sottoporre alla vostra gradita attenzione, una riflessione sulla importanza del nostro blog: “Tursi è Nostra”; anzi pardon, “vostro blog”, direi di tutti, perché è diventata una finestra aperta per molti cittadini, amanti della cultura, della cronaca e delle vicende politiche amministrative locali e nazionali, nella quale, puntualmente da quattro anni, si scrive e si informa i cittadini di ciò che avviene nella nostra gloriosa e antica Tursi. È di questo periodo l’uscita del primo articolo dell’amico Di Matteo, ideatore del blog, con appelli, fuori dal comune, insolito (vicende amministrative e rendicontazione dei consigli comunali), Continua a leggere

Caldararo e gli inviti a nozze

lavoro voto tursiSempre riguardo le dichiarazioni dell’assessore al bilancio durante il recente comizio, in merito alla produzione di rifiuti dichiarata dalla ditta e da me riportata in un mio articolo, smentita fortemente dall’assessore, a Caldararo vorrei indicare la lettura dell’allegato 1 alla delibera di consiglio comunale 14 del 17/08/2015 che lui ha votato e che avrebbe dovuto anche leggere. A quanto pare, le centinaia di migliaia di chili dichiarati dalla ditta sono ignoti all’assessore che fa spendere ai tursitani fior fior di quattrini per un servizio inefficiente. E quando Caldararo ci invita ad andare in Municipio a realizzare la nostra proposta di agevolazioni per cittadini e settori economici, che per l’assessore è irrealizzabile, noi rispondiamo che la soluzione l’abbiamo proposta da alcuni anni: rescissione del contratto e gestione comunale del servizio. Continua a leggere