Crea sito

Condanna Usi Civici: 122 mila euro di risarcimento

corte dei contiPubblichiamo di seguito la sentenza 22/2016 della Corte dei Conti di Basilicata, con la quale vengono condannati al risarcimento di 122 mila euro tutti i soggetti che hanno avuto incarichi di giunta, oltre ai due dirigenti comunali del periodo di riferimento. La questione è quella degli usi civici non riscossi, che a parere dei giudici contabili, hanno arrecato un danno erariale alle casse dell’ente, visto che non possono essere più riscossi, essendo prescritti. Per questo motivo, una parte di quelle somme devono essere pagate dai ritenuti responsabili, indicati chiaramente, nelle persone e nelle azioni, nella sentenza di seguito pubblicata. Come si può leggere dalla sentenza, va assolutamente sottolineata l’azione di scaricabarile durante il processo attuata da Labriola, Cosma, Caldararo & Co. ai danni di Veneziano, allora dirigente del Comune. L’ennesima ingrata vigliaccata, l’ennesima coltellata alle spalle di chi ha tenuto la loro baracca in piedi.

Alla fine dei conti, per risanare le casse comunali, abbiamo trovato altri 122 mila euro. E, leggendo tra le righe, forse ne arriveranno altri, per gli anni pregressi.

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE DEI CONTI

SEZIONE GIURISDIZIONALE DELLA BASILICATA

dott.  Vincenzo PERGOLA                  Presidente f.f.

dott.  Giuseppe TAGLIAMONTE        Consigliere Relatore

dott. Vanessa PINTO                            Referendario

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nel giudizio di responsabilità iscritto al n.8256 del Registro di Segreteria, ad istanza della Procura Regionale, nei confronti di

Vincenzo POPIA, Salvatore COSMA, Giuseppe MODARELLI, Giuseppe LABRIOLA, Antonio CALDARARO, Nicola GULFO, Gaetano BRUNO, Salvatore CAVALLO rappresentati e difesi, per procura in calce della memoria difensiva, dall’avv. Beniamino PALAMONE ed elettivamente domiciliati presso lo studio di quest’ultimo sito in Potenza alla via del Popolo, n.30;

Giuseppe VENEZIANO rappresentato e difeso, per procura a margine della comparsa di costituzione e risposta, dagli avv.ti Giacomo MARCHITELLI e Gianfranco CASCELLA ed elettivamente domiciliato presso lo studio di questi sito in Matera alla via Lucana, n.155;

Ubaldo LATRONICO  nato  a  Colobraro il 15.6.1952 ed ivi residente  al vico Papa Giovanni Paolo II, n.1/A (CF VNZGPP62A23F052J), non costituito.

Visto l’atto introduttivo del giudizio, esaminati tutti gli altri atti e documenti della causa;

Uditi, nella pubblica udienza del 19 aprile 2016, con l’assistenza del Segretario dott. Angela MICELE, il Consigliere relatore Giuseppe TAGLIAMONTE, il Pubblico Ministero nella persona del Vice Procuratore Generale Ernesto GARGANO nonché gli avvocati Beniamino PALAMONE e Giacomo MARCHITELLI, i quali concludevano come da verbale di udienza.

Premesso in

FATTO

Con atto di citazione dell’1 settembre 2015, depositato in pari data presso la Segreteria di questa Sezione giurisdizionale, la Procura regionale conveniva in giudizio dinanzi a questa Corte dei conti i signori Vincenzo Popia,  Salvatore Cosma, Giuseppe Modarelli, Giuseppe Labriola, Antonio Caldararo, Nicola Gulfo, Gaetano Bruno, Salvatore Cavallo, Giuseppe Veneziano e Ubaldo Latronico contestando loro di aver prodotto, nella qualità rispettiva di Responsabili dell’Area Finanziaria (gli ultimi due) ed Amministratori municipali del Comune di Tursi (i primi otto) in carica all’epoca delle contestate vicende, e secondo apporti causali che di seguito si indicheranno, un danno di € 247.050,00 corrispondente alla mancata riscossione di canoni enfiteutici su terreni di proprietà comunale nell’arco temporale 1.1.2005 – 31.12.2009, ormai non più reclamabili per intervenuta prescrizione del relativo diritto, e la cui gravemente colpevole consumazione veniva ad essi imputata alla stregua della seguente dinamica fattuale.

La Giunta comunale di Tursi, con delibera n.80 del 27.5.2008, facendo proprio il contenuto di coerente incarico professionale conferito al geom. Michele Labriola e formalizzato con contratto del 15.5.2005, titolare di omonimo studio tecnico nella cittadina lucana, determinava di procedere alla riscossione dei canoni di natura enfiteutica di cui risultava essere  creditore sulla scorta dei risultati dell’elaborato tecnico-ricognitivo di cui sopra, fissandone la misura in € 65,00 per ettaro in ragione di anno, altresì affidando al Responsabile dell’Area contabile le direttive idonee per l’avvio delle procedure di riscossione dal 2003 al 2007 e, successivamente, entro il  31 dicembre di ogni anno, avvalendosi, a tal fine, dell’apporto professionale della Società Cerin s.r.l. di Bitonto.

Il successivo 18.7.2008, con nota n.144998, la Regione Basilicata, confermando che la competenza alla riscossione dei canoni in parola fosse di pertinenza del Comune, precisava come l’attività di censimento dei terreni civici, e di aggiornamento dello stato degli occupatori arbitrari, fosse rimessa alla competenza della Regione Basilicata, che avrebbe provveduto a tale adempimento attraverso il proprio perito dott. Michele Delfino, all’uopo nominato con Determina dirigenziale del 29.9.2005. Il Comune, quindi, avrebbe potuto richiedere la corresponsione dei canoni agli occupatori arbitrari solo al termine di tale attività di ricognizione, altresì rappresentando la irregolarità dell’incarico conferito, per il medesimo fine, al geom. Labriola, incarico che, pertanto, veniva giudicato successivamente dal Comune “non conforme alle disposizioni di legge” con nota del 19.6.2009, comunicata al predetto geometra per rappresentare l’impossibilità di dare ulteriore seguito alle operazioni di “sistemazione” e censimento di cui alla Legge regionale n. 57/2000.

Con delibera del Consiglio regionale n.564 del 21.7.2009 veniva approvato il Regolamento “definitorio” delle operazioni di cui alla Legge n.57/2000; il successivo 17.1.2011 veniva nominato il perito demaniale avente compiti sul Comune di Tursi, la cui convenzione di incarico, ex art. 5 del Regolamento regionale di cui sopra, era formata in data 6.2.2014. Nell’oggetto della Convenzione, precisava l’Attore pubblico, alcun riferimento veniva svolto all’attività di riscossione dei canoni enfiteutici, né a quella relativa a tutte le attività propedeutiche alla riscossione delle somme dovute da parte dei soggetti che occupavano regolarmente i terreni.

In data 12.7.2011 il geom. Labriola, unitamente alla propria “nota spese” di  € 182.994,36, trasmetteva al Comune una segnalazione circa la “necessità” di procedere alla riscossione dei canoni enfiteutici di competenza comunale. Il Comune non assicurava seguito alcuno a tale sollecitazione, dando così luogo a successiva corrispondenza che vedeva le opposte parti ferme nel proprio convincimento di procedere comunque alla doverosa riscossione di quanto dovuto da parte degli occupanti i terreni civici (tesi del geometra Labriola, che peraltro continuava a reclamare il pagamento delle proprie competenze professionali per l’attività svolta) e, invece, di assicurare tale adempimento solo all’esito delle operazioni ricognitive rimesse alla competenza del perito nominato dalla Regione (tesi del Comune, che contestava la regolarità dell’incarico precedentemente conferito al professionista perché non conforme a legge).

Dalla successione di tali vicende, il Pubblico Ministero Contabile riteneva che sussistesse in effetti l’obbligo del Comune di Tursi di procedere alla riscossione dei canoni di natura enfiteutica dovuti per i terreni ex civici, la cui mancata riscossione non poteva che essersi tradotta in danno erariale, in termini di “mancata entrata finanziaria” per l’Ente municipale, almeno con riferimento al periodo 1.1.2005 – 31.12.2009, per il quale il relativo diritto era da considerarsi ormai prescritto, e determinabile in € 247.050,00, somma corrispondente alla misura del canone annuo fissato (Euro 65,00) moltiplicata per l’estensione dei terreni coinvolti (ettari 760,1649) ed a sua volta valutata per le cinque annualità prescritte (1.1.2005 – 31.12.2009).

Veniva pertanto emanato rituale invito a dedurre ex art.5 lege n.19/94 nei confronti degli Amministratori e dei Responsabili dell’Area finanziaria del Comune di Tursi in carica all’epoca dei fatti contestati come produttivi di danno; tutti i soggetti invitati, con la sola eccezione del sig. Latronico, responsabile dell’Area finanziaria dal 30.6.2008 al 30.6.2010, provvedevano a trasmettere le proprie deduzioni di “prima difesa”, rappresentando, sinteticamente, la temporaneità del rispettivo incarico, la intervenuta prescrizione della pretesa risarcitoria vantata in atto di citazione nonché la “doverosità” della mancata attivazione delle procedure di riscossione, in quanto dipendente dalla definizione delle attività di ricognizione, catalogazione e censimento rimesse alla competenza esclusiva della Regione. Siffatte argomentazioni non venivano valutate dal Pubblico Ministero procedente come idonee a consentire il superamento delle contestazioni di danno, che, pertanto, venivano ulteriormente ribadite nell’atto di citazione portato all’odierno esame del Collegio.

L’atto di accusa, premessa una puntuale ed approfondita disamina degli Istituti privatistici riconducibili al fenomeno della occupazione e della utilizzazione  dei  terreni  di proprietà pubblica, o “collettiva”, da parte dei  privati, evidenziava come si rivelasse evidentemente doverosa e cogente l’attività di riscossione, da parte delle Amministrazioni comunali proprietarie, dei canoni dovuti dai privati che legittimamente occupavano  quei suoli pubblici, costituente doverosa controprestazione a fronte della utilizzazione degli stessi, e non eludibile, come invece avversato dagli “invitati” oggi convenuti, dalla mancata definizione delle attività di accertamento e di ricognizione rimesse alla competenza della Regione, che erano da circoscriversi ai fenomeni di occupazione “arbitraria” o “sine titulo”, e come il Comune di Tursi, in pratica disattendendo il contenuto e gli intenti operativi di una propria precedente precisa determinazione, quella adottata con Deliberazione Giuntale n.80 del 27.5.2008, si fosse poi astenuto, con grave colpa tradottasi in danno da mancata entrata, dal promovimento di idonee iniziative volte all’incameramento di somme manifestamente e chiaramente esigibili; e tanto, nonostante la intervenuta indicazione, ex lege regionale n.57 del 2000, dei criteri di calcolo del canone dovuto, e la conseguente fissazione, da parte del Comune stesso, della relativa misura in € 65,00 per ettaro di terreno.

Parte Pubblica formalizzava così la propria accusa, sostenendo come la mancata attivazione di ogni iniziativa volta alla riscossione dei canoni  esigibili avesse determinato la gravemente colpevole prescrizione del relativo diritto per gli anni 2005, 2006, 2007, 2008 e 2009, con conseguente imputabilità della mancata entrata, determinata in € 247.050,00, a coloro che, Amministratori e Responsabili di Area contabile e finanziaria del Comune in carica all’epoca delle vicende descritte, erano chiamati a darvi invece doveroso seguito.

Il danno veniva addebitato, nella misura del 50%, ai Responsabili dell’Area finanziaria destinatari delle direttive impartite con la Delibera di Giunta comunale n.80 del 2008, ed ulteriormente suddiviso nella misura di 1/3 al sig. Latronico e di 2/3 al sig. Veneziano in ragione della durata del rispettivo incarico, e nella misura del 50% rimanente agli Amministratori, ulteriormente suddiviso nella metà a carico dei signori Labriola, Calderaro e Gulfo, e nella rimanente metà a carico dei signori Cavallo, Bruno, Cosma, Modarelli e Popia, sempre in ragione della durata del rispettivo mandato amministrativo.

In rappresentanza e difesa degli Amministratori comunali si costituiva in giudizio l’avv. Beniamino Palamone; in rappresentanza e difesa del sig. Giuseppe Veneziano, responsabile dell’Area Finanziaria del Comune di Tursi dal 1.7.2010 ad oggi, si costituivano in giudizio gli avv.ti Giacomo Marchitelli e Gianfranco Cascella; non si costituiva in giudizio il sig. Ubaldo Latronico, responsabile dell’Area Finanziaria del predetto Comune nel periodo 30.6.2008-30.6.2010, a cui la citazione in giudizio risulta regolarmente notificata il 26.10.2015.

Gli argomenti svolti in difesa degli Amministratori intendevano evidenziare l’assenza di ogni responsabilità comunque rilevabile dalla condotta dei medesimi, in quanto assolutamente estranea alle dinamiche attuative della concreta gestione della riscossione dei canoni, rimessa alla esclusiva competenza dei responsabili del settore di pertinenza, e tanto in ossequio al principio di separazione dei compiti, e delle conseguenti responsabilità, tra gli Organi di Governo dell’Ente e gli Organi di Gestione amministrativa di  cui al T.U. n.267/2000 di riordino dell’Ordinamento degli Enti Locali; né, ad  avviso della difesa, era ravvisabile, in testa agli Amministratori, alcun dovere di vigilanza o di controllo, il cui espletamento in forme di minuziosa e particolareggiata verifica non si mostrava plausibilmente riconducibile al generale compito di monitoraggio contemplato dalla richiamata normativa di settore. Sotto il profilo operativo, poi, agli stessi non poteva essere imputata alcuna grave negligenza, rivelandosi la condotta da essi posta in essere coerente con le indicazioni di “diversa competenza” nella gestione della vicenda di causa provenienti dalla nota della Regione Basilicata del  18.7.2008, che, nell’attribuire ad essa stessa il compito di ricognizione e catalogazione dei terreni da “gravare” dei canoni in argomento, anche nell’applicazione fatta propria  dal Commissario Straordinario dott.ssa Emilia Campoluongo che aveva retto il Comune per circa un biennio, e cioè dal 14.3.2008 al 30.3.2010, e la cui posizione funzionale si chiedeva comunque di valutare nella determinazione del contestato danno da mancata entrata, avevano di fatto “arrestato” l’attività di riscossione formalizzata, nei propri presupposti operativi, sia pure parzialmente, dalla Delibera di Giunta n.80 del 27.5.2008. Infine, e con riferimento alla quantificazione del danno determinato in citazione, veniva contestata la “certezza” dello stesso, in assenza di pronuncia giudiziale dichiarativa della intervenuta prescrizione del diritto alla riscossione dei canoni dovuti, nonché l’attribuzione delle quote a carico dei convenuti che, sempre secondo l’assunto difensivo, non appariva coerente con il contributo causale rilevabile dalla durata del mandato amministrativo da ciascuno di essi svolto.

L’avv. Marchitelli, in rappresentanza e difesa del sig. Giuseppe Veneziano, responsabile dell’Area finanziaria del Comune di Tursi dall’1.7.2010 ed ancora  oggi  titolare dell’incarico, evidenziava nella memoria di costituzione come le modalità di apprestamento, predisposizione e  definizione delle intere operazioni di censimento e catalogazione dei terreni poste in essere dal Comune di Tursi fossero state irrimediabilmente compromesse, nel loro esito conseguenziale da individuarsi nell’esecuzione delle attività di riscossione dei canoni esigibili dagli “occupanti”, dal tenore interpretativo ed applicativo recato dalla nota della Regione Basilicata del 18.7.2008 che aveva di fatto, come sostenuto anche dalla difesa degli Amministratori comunali convenuti, “immobilizzato” con ragionevole ed attendibile grado di plausibilità, ogni iniziativa recuperatoria che pure si era in procinto di adottare, in quanto passibile di successiva invalidazione a causa della paventata incompetenza comunale, in quella nota regionale rappresentata, nell’adozione delle attività ricognitive propedeutiche alla riscossione, la cui titolarità era rivendicata dagli Uffici della Regione. Tale circostanza, sosteneva il difensore costituito, appariva sufficiente per giustificare la “sospensione” di qualsivoglia attività recuperatoria da parte del Comune, in attesa che la Regione provvedesse a definire i propri compiti di “censimento”, così offrendo una veste di piena regolarità all’intera procedura. La difesa, peraltro, mostrava di condividere “in toto” siffatto diverso livello di operatività riscontrabile nella gestione della complessa procedura, sostenendo come sia la Legge regionale n.57 del 2000, che le successive direttive emanate sul punto dalla Regione stessa, deponessero nel senso di consentire l’attivazione del Comune nell’attività di riscossione solo all’esito delle operazioni di accertamento e “sistemazione” dei terreni “comunque” occupati. Ad avviso della stessa difesa, inoltre, la  determinazione della complessiva estensione delle aree (ha. 977,5340)  da  considerarsi  ”gravate” dal canone risultava imprecisa non solo perché comprensiva dei terreni arbitrariamente occupati, e dunque sottratti alla ricognizione di competenza comunale, ma anche perché in essa erano stati considerati anche suoli di proprietà privata, e dunque affrancati dalla corresponsione di oneri di natura pubblicistica, giusta quanto deducibile dalla “lista di carico” formata il 29.12.2009 dall’allora responsabile di Area finanziaria sig. Ubaldo Latronico che determinava il valore complessivo dei canoni per “usi civici” in € 63.054,44 a fronte dei 247.050,00 reclamati in citazione. Insomma, osservavano i difensori, la pretesa risarcitoria azionata dall’Attore pubblico, proprio a causa di tale “errore interpretativo”, finiva con il reclamare da parte degli Amministratori e dei funzionari di Area competente in carica dal 2010, e con incomprensibile esclusione dei precedenti soggetti che pure erano stati posti nella condizione di attivarsi in senso analogo a quello censurato in citazione alla stregua di gravemente colpevole omissione, l’intero ammontare delle somme dovute, tanto da corrispondersi a titolo di legittima occupazione, quanto da corrispondersi al diverso titolo di arbitraria occupazione, con inevitabili conseguenze sulla determinatezza della domanda di condanna, di cui, pertanto si chiedeva, subordinatamente al rigetto per insussistenza di colpa grave, la inammissibilità, e ferma restando l’eccezione di intervenuta prescrizione e quella relativa alla necessaria valutazione del contributo causale comunque riconoscibile nella condotta di altri soggetti che, pur avendo svolto funzioni  di rilievo analogo a quelle esaminate in citazione, non risultavano convenute nell’odierno giudizio.

Nell’odierno dibattimento le opposte parti, dopo aver approfondito ed illustrato  le  tesi  di causa, insistevano per l’accoglimento delle rispettive richieste.

In tale stato la causa veniva trattenuta per la decisione.

Considerato in

DIRITTO

Preliminarmente il Collegio esamina l’eccezione di prescrizione del diritto fatto valere dalla Procura Regionale con l’iniziativa risarcitoria intrapresa, sì come genericamente formulata dalla difesa del sig. Veneziano al termine del dispiegamento delle ragioni difensive sviluppate nella memoria di costituzione.

L’eccezione, per quanto vagamente formulata, va respinta sulla scorta della decisiva ed assorbente considerazione che vede oggetto della pretesa creditoria vantata dall’Attore Pubblico non il denaro, bensì il diritto di credito stesso, venuto meno per intervenuta prescrizione. Infatti, nell’ipotesi di responsabilità amministrativa da mancata riscossione di entrate è la perdita del diritto di credito che rende il danno erariale attuale e certo (cfr. C.d.C. Sez. I Centr. n.313/A/1999, Sez. III Centr. n. 182/2007), inteso questo come deminutio patrimonii e corrispondente al valore del credito perso, e quindi al denaro dovuto, oggetto della prestazione. Tale diritto viene meno, e finisce col costituire danno erariale risarcibile, quando si siano compiuti i termini prescrizionali “non occorrendo a tal fine una pronuncia giudiziale di accoglimento dell’eccezione del debitore relativa all’intervenuta  prescrizione” (C.d.C. SS.RR. 22 aprile 1992, n.764 e, più di recente, C.d.C. III Sez. App. n.369/2012)

Nel caso in esame, essendo riferiti i canoni in contestazione al periodo 1.1.2005-31.12.2009, il  termine prescrizionale risulta essersi consumato al termine del quinquennio decorrente dalle rispettive annualità, producendo, conseguentemente, la perdita del relativo diritto, che, in quanto non azionato dall’Amministrazione creditrice, e salvo l’accertamento di eventuali atti interruttivi di cui si dirà in seguito, integra chiaramente una ipotesi di danno attuale e concreto. Gli inviti a dedurre, valevoli quali atti interruttivi della prescrizione, risultano tutti notificati nel corso del 2015, e pertanto  consentono di respingere l’eccezione di prescrizione

Respinta così l’eccezione di prescrizione, il Collegio passa ad esaminare il merito della dedotta vicenda di causa.

Nel merito il Collegio anticipa di condividere le argomentazioni poste dalla Procura regionale a sostegno del proprio atto accusatorio, pur dissentendo parzialmente dalle conseguenze che da esso si fanno discendere in punto di quantificazione del danno e di determinazione delle “quote” di responsabilità ascrivibili agli odierni convenuti.

Occorre invero premettere come di piena evidenza appaia la forte valenza “politico-amministrativa” connotante la Delibera n.80 del 27.5.2008 di “Approvazione dei criteri per il calcolo dei canoni di natura enfiteutica gravante sui terreni allodiali, legittimati ora allodiali e ancora civici – Avvio della riscossione dei canoni”, rilevabile dalla corposa ed approfondita stesura della c.d. “parte motiva”, frutto di un esame particolarmente tecnico e storico-giuridico, e finalizzato, evidentemente, a reagire ad una condizione di annosa ed ingiustificabile inerzia rispetto ad una dinamica di “entrata fiscale” per molto tempo ignorata, o trascurata, a causa di un generalizzato atteggiamento di benevola tolleranza amministrativa, ed ormai non più perseguibile a causa dei noti  fenomeni  di crisi finanziaria degli Enti Locali, nonché della ristretta platea dei beneficiari di siffatta forma di “tolleranza”, che vale ad eliderne ogni superiore esigenza di “assistenza sociale” genericamente intesa, anche riscontrabile, peraltro, dalla non eccessiva gravosità dell’onere finanziario che si andava (“Avvio della riscossione dei canoni”) a richiedere.

Il meditato e “forte” contenuto della predetta Delibera si pone in stridente e clamorosa contraddizione con l’atteggiamento inerte, assunto in termini di  non spiegata “omissione” se non in via “indiretta”, tenuto dall’Amministrazione civica a partire da solo due mesi dopo l’adozione della stessa, e sulla scorta di una nota, la n.144998 del 18.7.2008, del Dipartimento Agricoltura, Sviluppo Rurale, Economia Montana della  Regione Basilicata, avente ad oggetto “Usi Civici-Legge Regionale  n.57/2000 e s.m.i. – Nomina perito demaniale per il Comune di Tursi”, che, pur ponendo in discussione la regolarità della nomina del perito da parte del Comune effettuata nel 2005 per i fini di cui si è detto sopra, e pur, ancora, richiamando i compiti di competenza del perito demaniale da nominarsi da parte della Regione nel rispetto delle regole procedimentali e dei compiti ad essa derivanti dalla L.R. n.57 del 2000, incideva sul contenuto degli obblighi precedentemente assunti dal Comune in punto di riscossione dei canoni conseguenti alla ricognizione a suo tempo programmata, e poi approvata, solo modificandone la portata estensiva, nel senso di escludere dal “potere di riscossione” solo i canoni da richiedere agli arbitrari occupatori.

In diversi termini, e fermandosi al tenore letterale della nota del Dipartimento regionale, “l’aggiornamento, le verifiche, le sistemazioni demaniali, le riconfinazioni e la stima delle terre civiche” che erano nella competenza funzionale  del  Perito  demaniale  nominato  dalla  Regione, costituivano, una volta portate a termine, condizione necessaria per “l’aggiornamento anagrafico e per la richiesta dei canoni agli arbitrari occupatori” (Nota Dip.Reg. n.144998 del 18.7.2008 richiamata supra). Non vi è, dunque, alcun riferimento, neanche indiretto, o altrimenti deducibile, ai terreni allodiali, a quelli legittimati in essere, né ai canoni per questi dovuti.

Al contrario, la Delibera giuntale n.80 del 27.5.2008 promuove, facendone precedere una documentata ed approfondita spiegazione “storico-giuridica” che ne valorizza la voluta specificità, la riscossione dei canoni “non enfiteutici” bensì “di natura enfiteutica” che sono propri dei terreni  “allodiali”, cioè di quelli “sdemanializzati”, o “ex pubblici”, ed ora nella disponibilità dei privati. Il Collegio precisa, ed il Comune analogamente precisava, che non si tratta di terreni “privati”, ma di terreni “nella disponibilità dei privati”, e rispetto ai quali era, e resta, doveroso riscuotere il canone “di natura enfiteutica” che il Comune di Tursi, nella più volte richiamata Delibera giuntale n.80 del 2008, aveva fissato in Euro 65,00 per ettaro annui.

A fronte di tale approfondita consapevolezza circa la doverosità di una “buona pratica amministrativa” finalizzata ad ottenere un corrispettivo a fronte del godimento di terreni “ex civici” e di fatto nella disponibilità di privati  che  traggono  da questi vantaggio pur non essendone i proprietari, al più essendo assimilabili ai regolari titolari di un diritto reale di godimento, manifestata dal Comune di Tursi nella decisione di “dare avvio” alla riscossione dei canoni, appare a questo Giudice macroscopicamente avventata, oltre che sprovvista di adeguata giustificazione, di forza e/o consistenza argomentativa almeno prossima  a  quella  che  sorreggeva  la precedente  decisione di attivarsi per la riscossione, la condotta omissiva successivamente serbata, tanto dagli Amministratori che dai Funzionari responsabili di Area finanziaria, ed infine tradottasi nella estinzione del diritto relativo alle annualità che il Collegio individua negli anni 2005, 2006, 2007 e 2008, in ciò disattendendo l’indicazione dell’arco temporale posta in citazione.

La consapevolezza alla quale il Collegio si riferisce, e che non poteva essere smentita successivamente dai predetti odierni convenuti, emerge anche con chiarezza dalla piana lettura del dispositivo della Delibera n.80/2008, dove (punto n.4) le direttive per la riscossione dei canoni vengono impartite “…relativamente ai terreni di natura allodiale ed a quelli ancora civici (terreni arbitrariamente occupati)…” sì da consentire di delimitare agevolmente la portata inibitoria della successiva nota regionale n.144998/2008 solo alla seconda tipologia di terreni, quelli “arbitrariamente occupati” secondo quanto ivi richiamato, rectius: il dovere, di avviare le procedure di riscossione per i terreni “privatizzati”.

Sussiste, dunque, ad avviso del Collegio, la colpa grave dei Responsabili di Area contabile che non hanno assicurato il doveroso seguito alle indicazioni “di gestione” rinvenibili dalla Delibera n.80 del 2008, omettendo l’adozione di un pur minimo atto volto a manifestare “esecutivamente” la volontà dell’Ente di procedere alla riscossione di quanto si riteneva in diritto di esigere a fronte della utilizzazione dei terreni in argomento.

E parimenti sussiste la colpa grave degli Amministratori succedutisi a quelli che adottarono la Delibera di cui sopra, per non aver ribadito, pur essendo consapevoli della esistenza di tale problematica nella fase “applicativa” della procedura programmata da altri, la volontà dell’Ente di attivarsi nel perseguimento di siffatta attività recuperatoria, omettendo ogni impulso o controllo volto ad assicurarne l’esecuzione.

Passando all’esame del danno prodotto dalle condotte omissive che il Collegio, per quanto detto infra, considera rilevanti in punto di sussistenza di nesso di causalità e di colpa grave, e delle quali dunque accerta la responsabilità per il conseguente nocumento finanziario tradottosi in  “mancata entrata comunale”, deve osservarsi, come supra anticipato, che la richiesta attorea non appare pienamente condivisibile nella quantificazione dello stesso e nella individuazione delle condotte che ne hanno consentito la produzione.

Al riguardo il Collegio intende, in premessa, precisare come si riveli corretto il calcolo della estensione dei terreni “gravati” dal canone in argomento, definito in citazione in ha 760.1649, e frutto della somma dei terreni “quotizzati”, pari ad ha 165.0543, e di quelli “allodiali” ex civici, pari ad ha 595.1106, con conseguente esclusione dei terreni arbitrariamente occupati, che risultano di estensione pari ad ha 217.3691, e pertanto vanno disattese le doglianze difensive al riguardo.

Risulta, invece, dagli atti prodotti dalla difesa del sig. Veneziano, Responsabile dell’Area Finanziaria dall’1.7.2010 ad oggi, che con Determina n.697/C del 29.12.2009, l’allora Capo Area Contabile sig. Ubaldo Latronico, previo richiamo alla Delibera n.80/2008, approvava “…l’allegata lista di carico-canoni usi civici” iscrivendone l’introito al competente capitolo di bilancio 2009. In esecuzione di tale lista di carico, nei mesi successivi, a vari soggetti titolari di diritti su terreni comunali, che all’uopo venivano specificati, veniva notificato  il relativo “Avviso di accertamento”. Il Collegio reputa che, in considerazione dell’intervenuto avvio della procedura di riscossione per l’anno 2009, la somma risultante dalla “Lista di carico” pari ad Euro 63.054,44, non risulta ad oggi prescritta, e dunque non riconducibile al contestato danno di Euro 247.050,00 dal quale va conseguentemente detratta.

Inoltre, essendo il danno in contestazione il prodotto delle condotte omissive tenute dagli Amministratori comunali e dai Responsabili di Area contabile-finanziaria nel corso degli anni in cui i diritti relativi alle annualità 2005-2009 potevano essere riscossi, onde evitarne la prescrizione, occorre valutare nel concorso causale “omissivo” foriero dello stesso, anche la condotta  serbata dal Commissario Straordinario dott.ssa Emilia Campoluongo che curò la gestione amministrativa del Comune dal 14.3.2008 al 30.3.2010, ed era dunque nella condizione di poter promuovere l’adozione di iniziative volte alla riscossione dei canoni di natura enfiteutica analogamente a quanto esigibile dai convenuti odierni. Ad essa, non convenuta nel presente giudizio, il Collegio ritiene di addebitare, nel rispetto del principio di “parziarietà” dell’obbligazione risarcitoria discendente dall’accertamento della responsabilità amministrativa rimesso a questa Corte dei conti, un terzo del danno effettivamente prodotto (€ 61.331,00). La  rimanente quota pari a complessivi € 122.662,00 va suddivisa nella misura di un terzo a carico dei Responsabili dell’Area contabile con addebito del 30% a carico del sig. Ubaldo Latronico (€ 18,400,00) e del 70% a carico del sig. Giuseppe Veneziano (€ 42.931,00), in ragione della durata dell’incarico ricoperto dagli stessi, e nella misura del rimanente terzo a carico dei componenti delle due giunte succedutesi, secondo i criteri di uguale ripartizione tra le due giunte richiesti dalla Procura regionale come di seguito descritto:

1/2 a carico dei signori Labriola, Caldararo e Gulfo pari alla somma di € 10.222,00 ciascuno;

1/2 a carico dei signori Cavallo, Bruno, Cosma, Modarelli e Popia pari alla somma di € 6.133,00 ciascuno;

Somma comprensiva di rivalutazione monetaria. Interessi legali dalla sentenza sino al soddisfo.

Le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte dei Conti, Sezione Giurisdizionale per la Regione Basilicata, ogni contraria domanda ed eccezione respinte, così decide:

a) condanna gli odierni convenuti al risarcimento, in favore del Comune di Tursi, della somma complessiva di € 122.662,00, nella misura ciascuno di seguito indicata:

Vincenzo POPIA € 6.133,00, Salvatore COSMA € 6.133,00, Giuseppe MODARELLI € 6.133,00, Gaetano BRUNO € 6.133,00, e Salvatore CAVALLO € 6.133,00; Giuseppe LABRIOLA € 10.222,00, Antonio CALDARARO € 10.222,00, Nicola GULFO € 10.222,00; Giuseppe VENEZIANO € 42.931,00 e Ubaldo LATRONICO € 18,400,00. Somma comprensiva di rivalutazione monetaria. Interessi legali dalla sentenza sino al soddisfo;

b)  le spese di giustizia seguono al soccombenza e vengono determinate nella misura di € 1.617,40=. Euro milleseicentodiciassette/40=.                      .

Così deciso in Potenza nella Camera di consiglio del 19 aprile 2016.

IL RELATORE                                                  IL PRESIDENTE f.f.

(Giuseppe TAGLIAMONTE)                            (Vincenzo PERGOLA)

Depositata in segreteria il 18 MAG. 2016

Il Preposto alla  Segreteria della

Sezione Giurisdizionale Basilicata

Maria Anna Catuogno

    Comments are closed.