Archivio mensile:Gennaio 2017

Finito l’inquinamento a valle del depuratore

A valle del depuratore di Tursi, in località Canala, l’inquinamento è finalmente sparito. Dopo anni di impegno, MuoviAmo Tursi ha raggiunto il risultato sperato. Gli agricoltori della zona, 3 anni fa, ci informarono che a valle del depuratore uscivano abbondanti quantità di liquami fognari. Nonostante l’intervento della forestale, il problema non sembrò attenuarsi. Pochi mesi fa la notizie di alcuni avvisi di garanzia per chi gestiva l’impianto. Nonostante questo, abbiamo richiesto un’ulteriore verifica e solo a seguito di questa, l’inquinamento è sparito. Continua a leggere

Contrada Monte presa in giro?

Sono anni che la Contrada Monte è continuamente vittima della pioggia. La strada che la collega alla fontana di Frascarossa è perennemente immelmata perché le piogge portano a valle sedimenti di argilla che invadono la carreggiata per circa un chilometro. Questa è una strada importantissima perché collega numerose aziende agricole e tantissimi ettari di fertile terreno. L’amministrazione comunale ha promesso di utilizzare alcune rimanenze di un progetto di viabilità rurale per porre rimedio. Continua a leggere

La Banca del Tempo

Il tempo ritrovato. Sembra un gioco di parole ma è un potente strumento di Solidarietà tra piccole e grandi comunità di persone che intendono darsi una mano reciprocamente. Per spiegare meglio le funzioni ed il ruolo che svolge questa particolarissima  Banca , proviamo a porci 5 domande, attraverso le risposte  a queste domande potremo dare informazioni particolareggiate sul funzionamento di questo ottimo e meraviglioso servizio sociale.

Ecco le 5 domande e successivamente le relative risposte: Continua a leggere

Fosso Vallo in sicurezza

fosso-vallo-pulitoIl fosso del Vallo a Caprariro è stato finalmente messo in sicurezza dopo anni di lamentele e promesse. Ad ogni pioggia, il fosso si riversava nella strada comunale e nei terreni degli agricoltori, minacciando piantagioni e capannoni. A causa del passaggio di un tubo dell’Acquedotto Pugliese, l’argine del fosso è stato abbassato. Questo, quando il fosso si riempie di sterpaglie, facilita lo straripamento. Dopo aver interpellato la Regione e il Consorzio di Bonifica, che hanno scaricato responsabilità, nonostante il fosso sia demaniale, MuoviAmo Tursi ha chiesto all’ufficio tecnico del Comune di Tursi di rilasciare l’autorizzazione d’urgenza affinché gli agricoltori, con un mezzo da loro pagato, potessero ripulire il fosso nel tratto più critico. Così è stato. Gli agricoltori, con molta responsabilità hanno accettato la proposta di MuoviAmo Tursi di pulire il fosso e hanno contribuito alla spesa, in attesa che la Regione finanzi una pulizia seria e definitiva del fosso. Continua a leggere

Tutela disabili a parole

disabili-via-romaPer l’amministrazione comunale l’attenzione ai disabili è solo a parole. Perché queste cose bisogna farle più che dirle. MuoviAmo Tursi, su segnalazione di alcuni cittadini, ha chiesto in consiglio comunale di spostare un parcheggio in via Roma, vicino al numero civico 107, per permettere ai disabili di poter utilizzare una rampa che è stata costruita ma mai utilizzata. La rampa in questione è a pochi passi dalla piazza ma l’intero marciapiede non può essere utilizzato da pensionati e disabili perché non ha uno sbocco. Quindi, spostando di pochi metri il parcheggio e creando un piccolo varco, si poteva consentire l’utilizzo della rampa e del marciapiede. Nonostante la richiesta in consiglio e la nota protocollata il 27 giungo 2016, la rampa è ancora inutilizzabile. Continua a leggere

Ritiro dell’ordinanza illegittima

pescheto tursiOggi vi racconterò una storiella. Soltanto le persone coinvolte potranno capire di quale vicenda sto parlando, ma tutti i lettori capiranno l’illegittimità che è stata commessa e la figuraccia che ha fatto l’amministrazione comunale. Lungo una stradina privata, asfaltata dall’allora Comunità montana con i programmi di sviluppo rurale, un agricoltore ha piantato alcune piante. La distanza tra la carreggiata e le piante è inferiore al minimo consentito. Le piante però sono piccole, quindi ad oggi non danno fastidio, né compromettono la pubblica e privata incolumità. Continua a leggere

Le Fontanelle di Tursi riscoperte

fontanelle-dopo-2MuoviAmo Tursi, dove ha potuto, è intervenuta. Con le richieste ufficiali, con le telefonate, con le sollecitazioni, con le referenze, con il proprio intervento diretto. L’energia profusa ha portato i propri frutti, che da alcuni mesi la comunità sta apprezzando. Una richiesta ci venne fatta in campagna elettorale e noi, dal giorno successivo all’insediamento abbiamo lavorato per raggiungere il risultato. Ci fu chiesto di impegnarci per far ripulire il selciato storico che porta alle Fontanelle della Rabatana. Dopo l’incendio di alcuni anni fa, gli alberi bruciati vennero lasciati lì ed intralciarono il passaggio pedonale. Continua a leggere

Segnalazione danni da calamità neve e gelo

nevicata tursiLa Regione Basilicata ha predisposto il modello per segnalare i danni derivanti dalla calamità naturale verificatasi nei giorni scorsi ed ancora in essere. Infatti, nonostante la prima neve risalga al 6 gennaio, ancora continuano le gelate notturne, conseguenza sempre della stessa perturbazione. Il modello, di seguito allegato, dovrà essere compilato, sottoscritto e inviato all’Ufficio Sostegno alle Imprese Agricole di Matera o Potenza entro il 30 gennaio 2017, insieme a delle foto. Non c’è bisogno di perizie di tecnici. Infatti, non si tratta di una richiesta di risarcimento ma solo una segnalazione per consentire alla Regione di circoscrivere l’area danneggiata e poi richiedere, entro sessanta giorni dall’evento, il riconoscimento dello stato di calamità al Ministero. Continua a leggere