Crea sito

La vergogna dei bagni pubblici

Una città che ambisce a diventare turistica e una città che tutela gli anziani e le loro esigenze si può permettere il lusso di avere dei bagni pubblici sporchi e non illuminati? Si sciacquano la bocca di turismo, promozione del territorio, vicinanza agli anziani e poi si “cacano la faccia”, per rimanere in tema, con la vergogna rappresentata oggi dai bagni pubblici? Hanno regalato soldi a chiunque per manifestazioni e clientele e oggi “non hanno i soldi” per dare decenza ad un servizio pubblico? Per alcuni giorni i bagni pubblici sono chiusi, nei giorni aperti sono sporchi. La colpa di chi è? Di chi sporca quello che è già sporco. La colpa è sempre degli altri. Durante la festa di San Filippo i tursitani mi fermavano per segnalarmi questo scempio. Cosa si sono portati a casa i visitatori e i nostri concittadini della festa? La vergogna dei bagni pubblici.

Quindi, invece di andare a fare figuracce elettorali nei Comuni limitrofi prendendo meno di 10 voti, l’amministrazione comunale provveda a rendere i bagni pubblici un servizio degno di essere definito tale.

    Leave a Response