Crea sito

Restituite la Tari ai Tursitani

Con un’interrogazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze e al Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare l’On. Giuseppe L’Abbate del 08/03/2017 durante la seduta n. 755 della Commissione 5-10764 chiedeva “se la quota variabile della Tari va calcolata una sola volta per tipologia di occupazione (ad esempio per l’utenza domestica), pur se questa risulti costituita da più superfici”.

Il Sottosegretario di Stato, Economia e Finanza Baretta Pier Paolo in data 18/10/2017, ha risposto che: “la parte variabile della Tariffa va computata solo una volta, considerando l’intera superficie dell’utenza composta sia dalla parte abitativa che dalle pertinenze situate nello stesso Comune”.

Facciamo un esempio numerico per capire:

Una famiglia di 4 persone con una casa di 100 metri quadrati, un garage di 15 metri quadrati e una cantina di 10 metri quadrati. La quota fissa Tari a metro quadro pari a 2 euro e la quota variabile Tari pari a 141 euro ad immobile. Con il metodo corretto, bisogna considerare i tre immobili, siti nel territorio dello stesso Comune, come un unico locale, quindi la quota variabile è pari solo a 141 euro. Con il metodo errato, usato anche dal Comune di Tursi, la quota variabile veniva calcolata su ogni immobile, quindi 423 euro. La differenza tra le due bollette è sostanziale: 282 euro annui per questa famiglia tipo.

Quota fissa Quota variabile  Totale
CALCOLO CORRETTO
2 euro x 125 metri quadrati = 250 euro 141 euro  391 euro
CALCOLO ERRATO
2 euro x 100 metri quadrati = 200 euro 141 euro
2 euro x 15 metri quadrati = 30 euro 141 euro
2 euro x 10 metri quadrati = 20 euro 141 euro
Totale quota fissa Totale quota variabile
250 euro 423 euro  673 euro

 

MuoviAmo Tursi ha chiesto questa mattina con nota ufficiale:

1-La quantificazione, secondo il metodo indicato dal Ministero, delle somme indebitamente incassate dal Comune di Tursi, utente per utente,

2-La restituzione ai cittadini delle somme indebitamente percepite tramite la decurtazione dal carico dell’annualità 2018.

Ancora errori. Ancora incompetenza. Restituite i soldi ai contribuenti!

    3 Responses to “Restituite la Tari ai Tursitani”

    1. Nicola Persiani ha detto:

      Sarebbe un bel gesto di onestà amministrativa da parte del Comune di Tursi. Auguriamoci che ci sia un sussulto di rispetto del cittadino e non soltanto una continua ricerca di tasse da far pagare al supertassato cittadino.

    2. Anna Maria ha detto:

      Quindi il corretto metodo di calcolo, imputa la quota variabile alla sola abitazione e non anche alle relative pertinenze?

      • Antonio Di Matteo ha detto:

        Si. Sabato 25 novembre, durante l’evento organizzato da MuoviAmo Tursi ci sarà il deputato che ha sollevato la questione al Ministero, quindi ci spiegherà puntualmente tutta la questione.