Archivio mensile:Aprile 2018

Condanna per danno erariale per Cosma e Labriola

Di qualche giorno fa la pubblicazione della notizia di condanna per danno erariale per Cosma e Labriola, consiglieri della Provincia di Matera dal 2009 al 2014. Citando il giornalista Amato de il Quotidiano della Basilicata: “Labriola e Cosma sono stati condannati anche per essersi fatti risarcire spese di viaggio dichiarando l’utilizzo di auto non più circolanti alla data del viaggio ammesso a rimborso.” Inoltre, sempre Amato scrive che “Cosma dovrà dare indietro 999,00 € corrispondenti al valore del personal computer notebook acquistato con i fondi erogati ai gruppi consiliari, non essendo stato restituito al termine del mandato nel maggio del 2014”.

Continua a leggere

Consiglio comunale il 20 aprile 2018

Il Consiglio Comunale è convocato presso la Sala Consiliare, in sessione ordinaria ed in seduta di prima convocazione per il giorno 20 aprile 2018 alle ore 17.00 e, in seduta di seconda convocazione, per il 24 aprile 2018 alle ore 17.00, per trattare i seguenti argomenti posti all’ordine del giorno:

  1. 172 1° comma , lettera c) del TUEL approvato con D. Lgs. 18/08/2000 n. 267. Verifica delle quantità e delle qualità delle aree e fabbricati da destinare alla residenza, alle attività produttive e terziarie e determinazione prezzo cessione.
  2. Approvazione programma OO.PP. 2017/2019 ed annuale 2018.
  3. Approvazione Bilancio di Previsione per l’Esercizio Finanziario 2018/2020, Documento Unico di Programmazione e Nota Intergrativa.
  4. Situazione di calamità rappresentata dal Comparto Agricolo – Istituzione tavolo di lavoro e di concertazione tra i rappresentanti dei Comuni del territorio e gli Organismi rappresentativi degli agricoltori.

Continua a leggere

Ripulito tratto canale Rabatana

Con la collaborazione di MuoviAmo Tursi, il Consorzio di Bonifica ha concesso il prelievo di materiale inerte dal canale Rabatana. Alcun costo è stato sostenuto dal Consorzio e quindi dalla collettività. Anzi, il beneficio è stato per tutti. La ditta privata ha avuto il materiale gratuitamente e a pochi metri dal luogo di utilizzo senza lunghi iter autorizzativi. Il Consorzio si è visto ripulito a costo zero un tratto di canale che altrimenti andava messo in sicurezza con fondi pubblici. Le aziende agricole ne beneficeranno perché il canale ha ripreso la propria officiosità e quindi non recherà danni nei prossimi anni. Continua a leggere