Archivio mensile:Maggio 2019

Tasse comunali sempre ai massimi livelli

Durante il Consiglio comunale del 28/03/2019 venne approvata dalla maggioranza la delibera n. 6 del seguente punto all’ordine del giorno: «Imposta Unica Comunale – Approvazione delle aliquote dei tributo sui servizi indivisibili (TASI). Anno 2019. Conferma. Provvedimenti». Il consigliere comunale di MuoviAmo Tursi, Antonio Di Matteo, esprime voto contrario dichiarando quanto segue: «La mancata realizzazione del piano di ri-equilibrio comporterà ancora per molti anni l’applicazione di tariffe comunali al massimo del limite di legge. La poca volontà dell’Amministrazione di avere risposte certe dal Ministero rappresenta una responsabilità politica. Per questo voto contro». Continua a leggere

Ricarica telefonica da 50 mila euro

A pochi mesi (31/03/2016) dall’insediamento dell’amministrazione comunale denunciavamo ai cittadini l’allegra gestione delle utenze telefoniche e continuavamo a rendicontare le spese pazze per utenze telefoniche anche nei mesi a seguire (20/02/2017). Una vicenda che si è incancrenita quando il Comune ha deciso di non pagare le bollette e la Vodafone, creditrice per più di 30 mila euro, ha deciso di recuperare il credito. La barzelletta è proseguita quando il 24 aprile scorso il Responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune ha dichiarato che “da verifiche d’ufficio, è stato riscontrato che le fatture indicate nel ricorso di Vodafone sono riferite all’Area Programma Metapontino-Collina Materana (ex comunità montana)”. Continua a leggere

DoniAmo un Libro – Sesta Edizione

Sabato 18 maggio 2019, alle ore 18.30, presso la biblioteca comunale, spostata recentemente nel plesso delle Scuole medie, si terrà la sesta edizione dell’evento culturale “DoniAmo un Libro”, organizzato dall’associazione MuoviAmo Tursi. Il Professore Nicola Persiani prosegue con la sua lodevole iniziativa di donare altri importanti testi alla comunità tursitana. Si tratta di sei volumi intitolati “Enciclopedia pratica per fotografare”. Considerata la fotografia una forma di arte e visti i numerosi appassionati in questa pratica, il Prof. Persiani ha voluto arricchire la cultura del fotografare con un testo che possa aiutare a realizzare foto sempre più belle del nostro territorio al fine di veicolarle anche sui social e promuovere le nostre ricchezze storiche e paesaggistiche. Continua a leggere

L’eolico comanda il Comune di Tursi

Se ci fosse ancora ulteriore necessità di prove per dimostrare che questa amministrazione comunale è stata ed è asservita politicamente alla ditta che ha realizzato e gestisce il Parco eolico. Oggi sono stati realizzati, a spese del Comune e non della ditta, alcuni lavori di impermeabilizzazione di una lesione lungo il marciapiede dello sbocco di viale Sant’Anna. Lavoro concluso qualche mese fa e che è già al secondo intervento di manutenzione. La lesione è un sintomo, ad oggi ancora non ricollegabile ad uno stato di pericolo, ma di certo si tratta di un assestamento di un terrapieno realizzato sì a regola d’arte ma con un ribasso non ufficializzato di molto inferiore a quello sufficiente per realizzare un lavoro più che solido. Ad ulteriore dimostrazione dell’asservimento politico c’è la vicenda che ha caratterizzato la candidata alla Provincia, la vice sindaco Adduci, che chiese al sottoscritto il voto alle elezioni del 28 marzo. Continua a leggere

Arriva l’acqua a Caprarico

Un mese fa richiedevamo al Consorzio di Bonifica di attivare la fornitura idrica per uso irriguo al territorio di Tursi che va da Caprarico Vallo fino a Gannano. La fornitura avviene tramite un sistema di vasche nel territorio di Santarcangelo, come da foto. La prima vasca riceve l’acqua direttamente da un canale nel fiume Agri e decanta l’acqua dividendola dalla melma. La seconda vasca invece immette l’acqua depurata nelle condotte. La prima vasca si riempie ogni anno di melma e il Consorzio non provvede in tempo a ripulirla. Ecco perché la fornitura è sempre ritardata a giugno. Quest’anno la vasca non è stata affatto pulita perché la melma era ancora bagnata e l’escavatore era impossibilitato ad opere. Continua a leggere