Crea sito

I cinghiali vanno sterminati

danni cinghialiIl problema dei cinghiali è diventato insostenibile anche per tutta l’agricoltura tursitana. Se negli anni passati il danno era contenuto nel 5% dell’intero raccolto di grano, quest’anno, in alcuni casi si è raggiunto il 100%. Se a questo bisogna aggiungere tutte le spese sostenute per la semina, la corretta concimazione e l’obbligatoria trebbiatura, al danno si aggiunge la beffa. Mi sento di parlare a nome dei tanti amici agricoltori danneggiati. La Regione Basilicata e i suoi insigni rappresentati e dirigenti, oltre a non aver mai potuto constatare di persona la gravità dei danni di questi animali, si dimostrano anche del tutto fuori luogo quando raccomandano soluzione delle più improbabili, come i chiusini. Continue reading I cinghiali vanno sterminati →

Criminalizzare l’informazione ambientale?

nucleare tursiIn questi giorni i Lucani hanno dovuto subire dei veri e propri insulti alla loro intelligenza perché si è cercato di far credere che chi informa e chiede la tutela ambientale è, secondo il Ministro Alfano, non ha nulla di pacifico. Il Ministro Alfano ha parlato di ordine pubblico, nell’ambito dei movimenti ambientalisti lucani che è tracciato e monitorato nella relazione resa dal Ministero dell’Interno. Eppure, per chi conosce i fatti della nostra terra sa benissimo che i comitati ambientalisti citati nella predetta relazione, hanno sempre fatto informazione ambientale e basta. E allora, perché mistificare la realtà? E’ notizia di oggi che la Cassazione ha confermato i 5 arresti domiciliari disposti nell’ambito dell’inchiesta che riguarda il filone Tempa Rossa. Continue reading Criminalizzare l’informazione ambientale? →

Strada provinciale di Marone: necessita ancora di alcuni interventi

marone tursiLa strada di Marone ritorna ad essere transitabile, dopo anni di abbandono. Una maggiore attenzione della Provincia di Matera per la strada che collega la fertile piana di Marone con la fontana di Frascarossa è dovuta alla continua insistenza di MuoviAmo Tursi e dei cittadini, che in questi ultimi mesi hanno più volte interessato non solo la Provincia, i suoi amministratori e i suoi dirigenti, ma anche ogni organo competente al controllo. Marone non ha mai meritato l’abbandono: per le centinaia di posti di lavoro che offre, per le tante aziende agricole che producono ottime prelibatezze, per le famiglie che ci risiedono.

La settimana scorsa, alcuni operatori della Provincia hanno provveduto a mettere in sicurezza alcune profonde buche nel manto stradale che mettevano a rischio l’incolumità di chi transitava, dato che le buche non erano segnalate né transennate. Abbiamo atteso molti mesi e finalmente un intervento è arrivato, insieme allo sfalcio continuo delle erbacce ai margini della carreggiata, alla rimozione della melma in alcuni tratti stradali e alla pulizia di alcuni tratti di cunetta. Ma questo ci sazia parzialmente, visto che la strada, per poter essere definita tale, necessita ancora di alcuni interventi che nei prossimi mesi devono assolutamente essere realizzati. Non ci fermeremo fino a che non li vedremo realizzati.

MuoviAmo Tursi, il Comitato Pro Marone e i cittadini ringraziano l’ente provinciale e i suoi organi, amministrativi ed operativi, per il lavoro realizzato la settimana scorsa lungo la SP Marone. Ma saremo ancor più grati a loro se si iniziasse la progettazione, si procedesse con il finanziamento e con la successiva realizzazione di un intervento mirato di bitumazione di quei brevi tratti di manto stradale che, nonostante i recenti rattoppi, necessitano di una manutenzione più robusta e duratura. Se a questo si aggiungesse una programmazione per la pulizia organica delle cunette, oramai sparite sotto i detriti figli di anni di incuria, allora potremmo definirci soddisfatti. Poche migliaia di euro per rendere Marone una delle contrade di Tursi più facilmente raggiungibili.

Ci preme segnalare anche la necessita di un intervento di manutenzione urgente del tratto di strada che collega contrada Marone con l’altopiano di Troyli. Una strada che non compete alla Provincia, ma che, con l’aiuto di tutti potrà essere messa in sicurezza, anche con il contributo attivo di chi la transita quotidianamente.

Mario Cuccarese, Portavoce di MuoviAmo Tursi

Un anno di tante promesse non mantenute

pollice versoI resoconti, per essere considerati obiettivi, devono tenere conto di tante variabili: il tempo e le risorse a disposizione, le aspettative alimentate durante la campagna elettorale, il consenso elettorale ricevuto (sulla base delle promesse e non solo), il numero di consiglieri comunali in maggioranza, l’esperienza maturata nell’amministrare un municipio. Se si tengono in considerazione tutte queste variabili, dopo un anno di attività, l’amministrazione comunale targata Cosma-Caldararo, in continuità con la precedente, è stata un vero fallimento. Se si ripercorrono le così tante ammirabili conquiste di questa amministrazione, Continue reading Un anno di tante promesse non mantenute →

Bilancio sbilanciato – Parte 3

viminaleIl 10 giugno 2016 il Prefetto di Matera concedeva ulteriori 14 giorni al consiglio comunale di Tursi in attesa dell’ufficiale risposta del Ministero dell’interno in merito alla obbligatorietà di approvare o meno il bilancio di previsione al fine di procedere con la procedura di predissesto. Il ministero, il 16 giugno, ha ufficialmente dichiarato che fosse necessaria l’approvazione del bilancio di previsione proprio per quantificare lo stato di bisogno, che altrimenti non poteva desumersi da altri documenti regolarmente approvati dagli organi elettivi comunali. Continue reading Bilancio sbilanciato – Parte 3 →

Bilancio sbilanciato – Parte 2

perdita tempo comune tursiIl consiglio comunale del 19 maggio 2016, convocato senza i dovuti ordini del giorno indispensabili, venne rinviato il 16 maggio, a data da destinarsi, per immotivati problemi organizzativi. Dobbiamo riflettere sulla premeditazione di questi abusi. Infatti, l’ordine del giorno doveva essere già consapevolmente un altro, ma per mungere altri 20 giorni, hanno creato questo artefatto di insana natura che ha ulteriormente complicato la situazione, portandola ad un ulteriore incancrenirsi. In data 24 maggio, il prefetto ha diffidato il consiglio comunale ad approvare il bilancio di previsione entro 20 giorni. Il 28 maggio, la maggioranza non ha votato il bilancio, Continue reading Bilancio sbilanciato – Parte 2 →

Bilancio sbilanciato – Parte 1

revisore dei contiIl 27 agosto 2015, nella relazione di inizio mandato, Cosma affermava che “la situazione finanziaria e patrimoniale dell’ente non presenta squilibri”, nonostante già emergesse un Risultato economico di esercizio negativo pari € -555.686,67 ed il monito inserito nella premessa della stessa Relazione che recitava: “Sulla base delle risultanze della relazione medesima, il sindaco, ove ne sussistano i presupposti, può ricorrere alle procedure di riequilibrio finanziario vigenti”. Nel 2015, se non fosse stata per l’ignoranza e la superbia di qualcuno, la situazione era risanabile senza i così gravi sacrifici che andranno a chiedere ai cittadini. Continue reading Bilancio sbilanciato – Parte 1 →

Lastre di amianto a Panevino

panevino amiantoCome attentamente segnalatoci da alcuni attenti cittadini, il nostro vasto territorio comunale è ancora vittima dell’abbandono di rifiuti, spesso pericolosissimi, in luoghi trafficati e con possibilità di contaminazione anche a danno della salute umana. Siamo in contrada Panevino, lungo la strada che collega il borgo alla Sinnica. Nei tornanti c’è una piazzola che da alcuni anni è ricettacolo di rifiuti edili, urbani e anche pericolosi, come queste lastre di amianto. L’amministrazione comunale e gli uffici comunali competenti provvedano celermente alla rimozione di tutto il materiale, Continue reading Lastre di amianto a Panevino →