Il bluff del baratto amministrativo

tasse tursiIn data 17/09/2015 MuoviAmo Tursi protocollava la proposta per istituire a Tursi l’istituto del Baratto Amministrativo, previsto dall’articolo 24 della Legge 164/2014, che recita: «I comuni possono definire con apposita delibera i criteri e le condizioni per la realizzazione di interventi su progetti presentati da cittadini singoli o associati, purché individuati in relazione al territorio da riqualificare. Gli interventi possono riguardare la pulizia, la manutenzione, l’abbellimento di aree verdi, piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati, e in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano o extraurbano. In relazione alla tipologia dei predetti interventi, i comuni possono deliberare riduzioni o esenzioni di tributi inerenti al tipo di attività posta in essere. L’esenzione è concessa per un periodo limitato e definito, per specifici tributi e per attività individuate dai comuni, in ragione dell’esercizio sussidiario dell’attività posta in essere. Tali riduzioni sono concesse prioritariamente a comunità di cittadini costituite in forme associative stabili e giuridicamente riconosciute». Continua a leggere

La Grecia: quante preoccupazioni?

grecia debitoIn tanti, forse, (non possiamo certo pensare tutti allo stesso modo) abbiamo seguito, con crescendo di partecipazione, l’incredibile vicenda della trattativa riguardante i finanziamenti da parte degli organismi europei alla nostra vicina Grecia. Ricordo, nei primi giorni di luglio, in un susseguirsi drammatico di colpi di scena, il primo ministro greco Tsipras che ha tentato di evitare al proprio paese l’imposizione di condizioni economiche insostenibili per il presente e certamente “omicide” di ogni futuro da parte degli altri paesi europei, compresa la nostra attenta e deficiente Italia. Continua a leggere

Aumenti della TARI – Parte 4

tursi paradiso fiscaleTari, sempre Tari. Oggi spieghiamo gli aumenti registrati per le utenze non domestiche (attività commerciali, laboratori artigianali, ecc.). Le tariffe nel 2014 erano al massimo per tutte le tipologie di attività economiche, esclusi i bar e pasticcerie, i negozi di ortofrutta, pescherie e fiorai, pizzerie, ristoranti e pub. Nel 2015, le tariffe sono state fissate al massimo per tutte le attività economiche, esclusi i bar e pasticcerie, i negozi di ortofrutta, pescherie e fiorai. Quindi, i ristoranti, le pizzerie e i pub sono passati dalla tariffa minima alla tariffa massima. Continua a leggere

Aumenti della TARI – Parte 3

paradiso fiscaleSempre in merito alla Tari, dato che la ditta Teknoservice ha dichiarato arbitrariamente meno costi fissi, per quanto riguarda le utenze domestiche la componente fissa della Tari si è ridotta del 30% in media per tutti. Viceversa, dato che la ditta ha dichiarato sempre arbitrariamente più costi variabili, la componente variabile della Tari è aumentata dal 100% al 150%, a seconda del numero di componenti il nucleo familiare. La componente fissa del costo grava sulla bolletta in base ai metri quadri dell’immobile. La componente variabile grava sulla bolletta in base ai componenti del nucleo familiare. Continua a leggere

Aumenti della TARI – Parte 2

pesante tasse tursiProseguiamo la trattazione della TARI, ricordando che doveva essere l’assessore al ramo Caldararo, datosi per disperso dalla scena politica, a dare spiegazioni ai cittadini. Nel piano finanziario, che ieri abbiamo spiegato a cosa serviva, la ditta ha indicato un aumento complessivo del costo pari a 60 mila euro, ma il gettito effettivo da incassare per il Comune aumenta a 785 mila euro, 135 mila euro in più rispetto all’anno scorso. La ditta ha deliberatamente dichiarato che per l’anno 2015 dovrà smaltire 300 mila chilogrammi di rifiuti solidi urbani in più rispetto al 2014, su un totale 2015 di 1,5 milioni di chili. Se la popolazione residente è in calo, la produzione di rifiuti procapite è in calo, il numero di attività economiche è in calo, Continua a leggere

Aumenti della TARI – Parte 1

troisi benigni tares tursiOggi spieghiamo ai cittadini perché la TARI è aumentata quasi per tutti. Quando il Consiglio comunale il 17/08/2015 approvava le nuove tariffe, MuoviAmo Tursi, insieme agli altri gruppi di opposizione, si contrappose veementemente e votò contro. La TARI si compone di due parti: una fissa e l’altra variabile. La quota fissa dipende dai costi fissi del servizio di gestione dei rifiuti e la quota variabile dipende dai costi variabili del servizio. Il costo del servizio, e la relativa partizione in quota fissa e quota variabile, Continua a leggere

Vincenzo Grossi Santo

vincenzo grossiCon grande emozione interiore, voglio comunicare che il 18 ottobre 2015 in piazza San Pietro, a Roma, il Santo Padre proclamerà “SANTO”, don Vincenzo Grossi, fondatore delle FIGLIE dell’ORATORIO. In parrocchia cattedrale, si sta organizzando l’evento, con una presenza cospicua di fedeli per cantare e lodare il Signore per la santificazione del fondatore delle nostre amatissime suore, figlie dell’oratorio. Mi sento particolarmente coinvolto, personalmente e come  famiglia a questa grande festa di gioia perché: proprio dalla mia famiglia molti hanno abbracciato la vita religiosa, oltre mia sorella e una mia zia. Tutti ,nella nostra Tursi  hanno constatato la ricchezza spirituale delle suore ,sia all’asilo che in parrocchia. Continua a leggere

Comizio delle opposizioni domenica 27 settembre 2015

antonio di matteoDomenica 27 settembre, alle ore 19.30, in Piazza Maria Santissima di Anglona, si terrà il pubblico comizio dei Gruppi consiliari di opposizione. Parleranno tutti e 4 i consiglieri, per rendicontare ai cittadini la propria attività politica e per spiegare quali nefasti provvedimenti ha assunto l’amministrazione comunale. Le problematiche trattate saranno molte e verranno approfondite dai vari consiglieri. I cittadini tutti sono invitati a partecipare. MuoviAmo Tursi parteciperà con il proprio consigliere comunale, Antonio Di Matteo. Bilancio, eolico, debiti, tasse, abusi amministrativi e tanto altro ancora.  Continua a leggere