Archivio tag: Canale

Ripulito tratto canale Rabatana

Con la collaborazione di MuoviAmo Tursi, il Consorzio di Bonifica ha concesso il prelievo di materiale inerte dal canale Rabatana. Alcun costo è stato sostenuto dal Consorzio e quindi dalla collettività. Anzi, il beneficio è stato per tutti. La ditta privata ha avuto il materiale gratuitamente e a pochi metri dal luogo di utilizzo senza lunghi iter autorizzativi. Il Consorzio si è visto ripulito a costo zero un tratto di canale che altrimenti andava messo in sicurezza con fondi pubblici. Le aziende agricole ne beneficeranno perché il canale ha ripreso la propria officiosità e quindi non recherà danni nei prossimi anni. Continua a leggere

Lo sporco del Pescogrosso – Parte 2

tursi  pescogrosso fognaTutto andò a finire con una sanatoria edilizia per la vasca abusiva. Mille euro di oneri per il proprietario del’impianto, l’Acquedotto Lucano. Nulla più. Intanto, l’inquinamento proseguiva ed aumentava. Non ci arrendemmo. Non sazi, il 19 giugno 2014, MuoviAmo Tursi mandava ai mass media locali un comunicato stampa per sollecitare il dibattito pubblico e le istituzioni. Riuscimmo. Infatti, la questione divenne di dominio pubblico e l’allora Prefetto di Matera, Dott. Pizzi, che in numerose occasioni sostenne le lotte per la legalità di MuoviAmo Tursi, apprendendo la notizia dai giornali, chiese chiarimenti all’amministrazione comunale con nota del 23 giugno 2014. Continua a leggere

Lo sporco del Pescogrosso – Parte 1

tursi pescogrosso 1I nostri racconti iniziano sempre con una data. Questa volta era il 22 febbraio 2014. E i nostri racconti proseguono sempre così: alcuni cittadini ci avevano segnalato un grave inquinamento fognario a valle del depuratore comunale, in contrada Canala. La struttura è dell’Acquedotto Lucano, gestita da privati. Però la responsabilità era anche dell’amministrazione comunale, prima autorità sanitaria sul posto. Il 25 febbraio facemmo partire la prima segnalazione all’Acquedotto Lucano, all’Arpab, al Noe, all’Ispettorato della Forestale a Roma. Il 28 febbraio venni contattato dalla Forestale di Tursi per un sopralluogo congiunto. La nostra segnalazione aveva mosso qualcosa. Da allora, i primi provvedimenti vennero presi. Continua a leggere